CAMPIONATO ITALIANO DI CALCIO 1952-53: IL GIRONE D’ANDATA DALLA 1a ALLA 6a GIORNATA

A metà settembre ricomincia la saga della serie A con la caccia alla Juventus detentrice del titolo. I campioni in carica iniziano la loro difesa del titolo sul terreno del Palermo, mentre il Milan ospita il Novara. L’attenzione di tutti, però, va a Napoli, dove i locali ospitano proprio l’Atalanta, società dalla quale è giunto Hasse Jeppson.
1a GIORNATA: domenica 14 settembre 1952

 Bologna – Pro Patria    4-1    

12′ rig. e 20′ Mike, 27′ Guarnieri (PR), 54′ e 78′ Bacci

Como – Inter            0-1    

20′ Nyers

Fiorentina – Spal       1-1    

43′ Roosenburg (FI), 65′ Bulent

Lazio – Udinese         1-2    

20′ Sentimenti V (LA) rig., 50′ rig. e 60′ Zorzi

Milan – Novara          2-0    

47′ Pedroni, 88′ Burini

Napoli – Atalanta       2-0    

54′ Amadei rig., 90′ Vitali

Palermo – Juventus      1-1    

49′ Bettini (PA), 53′ Carapellese

Torino – Sampdoria      2-0    

30′ Sentimenti III, 84′ Marzani

Triestina – Roma        2-3    

26′ Venturi rig., 46′ La Rosa (TS), 58′ Bronee, 72′ Galli, 83′ E. Soerensen (TS)

 CLASSIFICA:

Bologna, Inter, Milan, Napoli, Roma, Torino e Udinese 2; Fiorentina, Juventus, Palermo e Spal 1; Atalanta, Como, Lazio, Novara, Pro Patria, Sampdoria e Triestina 0.
Contro la Pro Patria il Bologna ottiene immediatamente una bella e convincente vittoria che impone i rosso-blu emiliani come compagine copertina di giornata. Partono
bene anche Inter e Roma capaci di espugnare campi ostici come quelli di Como e Trieste e i vice campioni del Milan che regolano il Novara con il più classico dei 2 a 0. La sorpresa di giornata è costituita dal pari che la Juventus si è fatta imporre dal Palermo.

Nel frattempo il clima di caccia alle streghe rosse voluto da molti ambienti politici e clericali inizia a trovare qualche dissenso proveniente dal loro interno. Il 17 settembre infatti,  si registrano forti contrasti nei confronti di Luigi Gedda, presidente dell’ AC (azione cattolica) e dei Comitati Civici, il quale spadroneggia con una politica anticomunista da crociate di infimo ordine, peggiori di quelle Medioevali. Carlo Carretto, presidente della Gioventù Italiana di AC, si dimette per i forti contrasti sull’organizzazione dell’Azione Cattolica stessa che avalla simili sistemi di fare politica. Di contro, a livello internazionale, il giorno successivo si registra il veto posto dall’Unione Sovietica allentrata del Giappone nelle Nazioni Unite. Alla base della decisione sta senz’altro il fatto che il Paese estremo-orientale, dalla fine della II Guerra Mondiale è entrato nella sfera ideologica degli Stati Uniti.

Come abbiamo detto più volte, il calcio ha la funzione magica di mettere daparte tutte le questioni politiche e di creare unioni o divisioni completamente estranee alle dinamiche imposte dalla vita reale.
2a GIORNATA: domenica 21 settembre 1952

 Inter – Atalanta        1-0    

50′ Padulazzi

Juventus – Bologna      1-2    

19′ Randon, 49′ J. Hansen (JU), 70′ Bacci

Novara – Lazio          2-2    

9′ Larsen, 14′ Miglioli (NO), 17′ Piola (NO), 82′ Bredesen

Palermo – Milan         0-1    

22′ G. Nordahl

Pro Patria – Triestina  3-2    

7′ Bertoloni, 27′ Hofling, 34′ Petagna (TS), 48′ Bertoloni, 79′ Boscolo (TS)

Roma – Fiorentina       1-0    

66′ Galli

Sampdoria – Napoli      0-0

Spal – Como             0-0

Udinese – Torino        1-0    

17′ Zorzi

 CLASSIFICA:

Bologna, Inter, Milan, Roma e Udinese 4; Napoli 3; Pro Patria, Spal e Torino 2; Como, Fiorentina, Juventus, Lazio, Novara, Palermo e Sampdoria 1; Atalanta e Triestina 0.
Cinque squadre riconfermano i risultati della domenica precedente: il Bologna sbanca il campo della Juventus con i campioni d’Italia in netta difficoltà, l’Inter si impone di misura sull’Atalanta, il Milan passa a Palermo grazie ad un gol di Nordahl, successivamente espulso assieme al rosa-nero Boldi, la Roma
sconfigge la Fiorentina grazie ad un colpo di testa del solito Carletto Galli ed infine l’Udinese batte il Torino grazie ad un gol di Zorzi. Per il calciatore friulano si tratta di un momento magico avendo realizzato ben tre reti nelle prime due gare di campionato.

Accanto ai resoconti della domenica calcistica, i quotidiani sportivi danno spazio anche all’impresa della nuotatrice californiana Florence Chadwick, la quale impiega oltre 13 ore per attraversare lo Stretto di Catalina.

Due giorni dopo gli onori delle cronache toccano al pugile italo americano Rocky Marciano il quale, sul ring di Philadelphia, si laurea Campione del Mondo dei pesi massimi il 23 settembre. Assieme all’asso del baseball Joe Di Maggio e al fuoriclasse dei pesi medi Jack Lamotta, Marciano diventa l’emblema dell’emigrante che, partito dal nulla, riesce ad affermarsi nella società americana. Si tratta dello stesso sogno che molti ragazzi italiani coltivano quando si trovano in uno spazio con un pallone tra i piedi, imitando i loro idoli che, nell’ultima domenica di settembre, scendono in campo per disputare la terza giornata di campionato.
3a GIORNATA: domenica 28 settembre 1952

 Atalanta – Juventus     1-5     

9′ Muccinelli, 45′ Carapellese, 60′ Vivolo, 61′ Cergoli (AT), 80′ J. Hansen, 84′ Carapellese

Bologna – Roma          0-1    

35′ Galli

Como – Palermo          3-1    

9′ Ghiandi, 19′ aut. Martini, 22′ Gratton, 84′ Di Maso (PA)

Fiorentina – Novara     1-0    

4′ Mariani

Lazio – Pro Patria      3-1    

17′ Bredesen, 27′ Mannocci (PR), 38′ Antoniotti, 40′ Bettolini

Milan – Spal            1-0    

74′ Gren

Napoli – Udinese        4-2    

7′ Menegotti (UD), 26′ Vitali, 52′ Amadei, 57′ e 60′ Vitali, 62′ Mozzambani (UD)

Torino – Inter          1-1    

52′ Nyers, 70′ Pratesi (TO)

Triestina – Sampdoria   1-1    

10′ Conti, 88′ De Vito (TS)

 CLASSIFICA:

Milan e Roma 6; Inter e Napoli 5; Bologna e Udinese 4; Como, Fiorentina, Juventus, Lazio e Torino 3; Pro Patria, Sampdoria e Spal 2; Novara, Palermo e Triestina 1; Atalanta 0.
 Carlo Galli (tre gol in altrettante giornate) porta la Roma alla vittoria sul campo del Bologna. I capitolini sono al comando della graduatoria assieme al Milan che a sua volta regola la Spal grazie a Gunnar Gren. Perde contatto l’Udinese sconfitto a Napoli con i campani che raggiungono in seconda posizione
l’Inter bloccata sul pari a Torino. Risorge la Juventus che va a cogliere una larga vittoria sul campo dell’Atalanta ancora a quota zero.

Nel successo del Como sul Palermo va registrato il primo gol in serie A di Guido Gratton, promettente mezz’ala prelevata dal Vicenza.

Al termine di questa giornata a Napoli prende il via la prima edizione del Festival della Canzone Napoletana. Durerà tre giorni e la vincitrice sarà Nilla Pizzi, sempre più regina della musica leggera nostrana.
4a GIORNATA: domenica 5 ottobre 1952

 Bologna – Palermo       5-2    

10′ Pilmark, 21′ Cervellati, 26′ Gimona (PA), 37′ Bacci, 52′ Campatelli, 82′ Martegani (PA), 90′ Bacci

Inter – Napoli          5-1    

7′ Jeppson (NA), 32′, 66′ e 80′ Lorenzi, 82′ e 89′ Nyers

Juventus – Triestina    3-2    

21′ J. Hansen, 29′ Vivolo, 63′ Boscolo (TS), 67′ Giannini (TS), 82′ Vivolo

Novara – Como           2-1    

35′ Piola rig., 66′ Bergamaschi (CO), 78′ Piccioni

Pro Patria – Torino     3-0    

34′ Mannucci, 38′ Ciccarelli, 73′ Guarnieri

Roma – Milan            2-1    

34′ G. Nordahl (MI), 48′ e 65′ Galli

Sampdoria – Atalanta    0-0

Spal – Lazio            1-0    

53′ Colombi

Udinese – Fiorentina    0-1    

24′ Mariani

CLASSIFICA:

Roma 8; Inter 7; Bologna e Milan 6; Fiorentina, Juventus e Napoli 5; Pro Patria, Spal e Udinese 4; Como, Lazio, Novara, Sampdoria e Torino 3; Atalanta, Palermo e Triestina 1.
Il Milan cade a Roma sotto i colpi di Carlo Galli: meglio di così non poteva essere il ritorno in serie A della squadra capitolina in testa da sola con quattro vittorie consecutive. Dietro resiste solo l’Inter che,grazie ad un’ultima mezz’ora di gara degna del grande Torino travolge il Napoli dove
segna il suo primo gol Hasse Jeppson.

Con le due battistrada impegnate rispettivamente a Palermo e Busto Arsizio, la serie A si prepara a scrivere il suo quinto capitolo. Boniperti e compagni sperano di continuare nella loro striscia di vittorie battendo l’Udinese in casa, mentre la Roma ospita il Como, l’Inter il Bologna e il Milan va a far visita alla Triestina.
5a GIORNATA: domenica 12 ottobre 1952

 Atalanta – Bologna      2-0    

12′ Santagostino, 74′ Rasmussen

Como – Udinese          0-0

Fiorentina – Juventus   1-2    

13′ Vivolo rig., 22′ Mariani (FI), 52′ Vivolo

Lazio – Napoli          2-1    

19′ Jeppson (NA), 55′ e 70′ Larsen

Milan – Sampdoria       2-1    

68′ Bassetto (SA), 85′ Silvestri, 90′ G. Nordahl

Palermo – Roma          1-1    

26′ Di Maso (PA), 51′ Lucchesi

Pro Patria – Inter      2-2    

15′ Nyers, 17′ Lorenzi, 58′ e 62′ Bertoloni (PR)

Torino – Novara         4-1    

26′ Gianmarinaro , 29′ Balbiano, 35′ Piola (NO) rig., 64′ Balbiano, 82′ Buhtz

Triestina – Spal        2-0    

41′ Curti, 77′ E. Soerensen

 CLASSIFICA:

Roma 9; Inter e Milan 8; Juventus 7; Bologna 6; Fiorentina, Lazio, Napoli, Pro Patria, Torino e Udinese 5; Como e Spal 4; Atalanta, Novara, Sampdoria e Triestina 3; Palermo 2.
 La Roma pareggia a Palermo ma rimane da sola al comando in quanto l’Inter, dopo essere stata in vantaggio di due reti, si fa imporre il pari dalla Pro Patria e viene raggiunta in seconda posizione dal Milan che invece nel finale si impone sulla Sampdoria. La Juventus ottiene la terza vittoria consecutiva
avvicinandosi notevolmente al vertice.
6a GIORNATA: domenica 19 ottobre 1952

 Inter – Bologna         2-1    

37′ Bacci (BO), 39′ Lorenzi, 72′ Mazza

Juventus – Udinese      4-0    

34′ Vivolo rig., 40′ J. Hansen, 69′ Praest, 74′ J. Hansen

Napoli – Pro Patria     1-0    

87′ Formentin

Novara – Atalanta       1-1    

1′ Rasmussen, 40′ Piccioni (NO)

Palermo – Fiorentina    0-0

Roma – Como             3-0    

36′ Lucchesi, 38′ Galli, 44′ Bronee

Sampdoria – Lazio       1-2    

44′ Antoniotti, 62′ Oppezzo (SA), 76′ Larsen

Spal – Torino           1-1    

22′ Balbiano, 86′ Sega (SP)

Triestina – Milan       1-1    

27′ Curti (TS), 70′ Liedholm

 CLASSIFICA:

Roma 11; Inter 10; Juventus e Milan 9; Lazio e Napoli 7; Bologna, Fiorentina e Torino 6; Pro Patria, Spal e Udinese 5; Atalanta, Como, Novara e Triestina 4; Palermo e Sampdoria 3.
Altra bella vittoria della Roma sul Como che permette ai capitolini di prolungare il sogno in vetta alla classifica. Dietro resiste solo l’Inter capace
di battere il Bologna mentre il Milan esce solamente con un pareggio dallo stadio di Trieste. Vince ancora la Juventus arrivata alla sua quarta affermazione di fila.  La larga vittoria è stata inficiata dall’espulsione di Gianpiero Boniperti, fatto non nuovo per colui che indossa stabilmente la fascia di capitano
in maglia azzurra.

PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE

Lascia un commento