CAMPIONATO ITALIANO DI CALCIO 1954-55: IL GIRONE DI RITORNO DALLA 23a ALLA 28a GIORNATA

La stagione è nel vivo e il dibattito è acceso, ma in questo periodo ve n’è uno ancor più infuocato: non bastassero gli echi del caso Coppi-Occhini, riacceso dal via della nuova stagione ciclistica, scoppia con tutta la sua virulenza la polemica strisciante da mesi riguardante le responsabilità di fascisti e partigiani durante il periodo che va dal 1943 al 1945. Viene reso di dominio pubblico quanto accaduto alla Camera nel mese di gennaio e l’arresto del partigiano piemontese accusato di aver eliminato dei compagni contrari alla linea della resistenza.

Avviene così che il 10 marzo, vari gruppi di contestatori di matrice missina organizzano delle manifestazioni e nella stessa città di Roma devastano sedi del PCI e distruggono la biblioteca.

La CGIL risponde proclamando uno sciopero generale per queste spedizioni punitive, di intolleranza e di provocazioni che ricordano molto le “squadracce” fasciste dei primi anni venti.

Contemporaneamente la FIAT presenta a Ginevra la sua 600, auto con la quale andrà subito a motorizzare l’Italia. Con 300 miliardi di investimenti negli impianti e la geniale conduzione di Valletta, la casa torinese inizia a produrre la vettura con 624 unità giornaliere, che nel prossimo anno diventeranno già 839; circa 300.000 esemplari in un anno.

Intanto la gente va ancora allo stadio in bicicletta, con il tram o al massimo in motocicletta.
23a GIORNATA: domenica 13 marzo 1955

Bologna – Udinese 2-4

9′ Pivatelli (BO), 12′ Bettini, 40′ e 68′ La Forgia, 71′ Cervellati (BO), 84′ Selmosson

Catania – Juventus 2-2

12′ K.A. Hansen (CA), 18′ Bronee, 55′ Praest, 57′ Bassetti (CA)

Fiorentina – Spal 1-0

88′ Buzzin

Inter – Atalanta 3-0

13′ Passarin, 28′ Lorenzi, 79′ Brighenti

Lazio – Genoa 2-1

51′ Lofgren, 53′ Burini, 73′ Carapellese (GE)

Napoli – Roma 2-0

39′ Jeppson, 88′ Golin

Sampdoria – Pro Patria 3-0

75′ Baldini, 82′ Arrigoni, 88′ Tortul

Torino – Milan 1-2

11′ Frignani, 35′ Schiaffino, 67′ Antoniotti (TO)

Triestina – Novara 1-0

35′ Secchi

Classifica:

Milan 34; Bologna e Fiorentina 28; Roma 27; Inter, Juventus e Udinese 26; Torino 24; Napoli e Sampdoria 23; Lazio 22;
Catania e Triestina 21; Genoa 20; Atalanta e Novara 18; Spal 16; Pro Patria 11.

Il Milan torna a vincere in trasferta e riprende il largo in classifica in quanto dietro le inseguitrici si sono fermate. Il Bologna, infatti subisce la terza sconfitta consecutiva per mano dell’Udinese e soprattutto dell’ex La Forgia, velocissima ala che qualche anno prima aveva fatto vedere qualche cosa di buono in maglia rosso-blu, ma che il tecnico “Gipo” Viani non aveva ritenuto all’altezza. Cade anche la Roma sul campo del Napoli che dopo un momento davvero opaco, sta risalendo piano piano la china.

Con il Milan che a questo punto ha praticamente ipotecato lo scudetto, il campionato vive per la lotta per le due piazze d’onore che garantiscono l’accesso alla rinata Mitropa Cup. Si tratta di una contesa che si preannuncia serrata in quanto coinvolge ben sei squadre tra cui l’Udinese, che da un paio di mesi sta inanellando un’incredibile serie di risultati.
24’a GIORNATA: domenica 20 marzo 1955

Atalanta – Sampdoria 1-1

14′ Conti, 53′ Brugola (AT)

Genoa – Triestina 0-0

Milan – Bologna 0-0

Napoli – Juventus 1-1

34′ Colombo, 36′ Golin (NA)

Novara – Catania 2-0

14′ e 37′ Marzani

Pro Patria – Spal 1-1

40′ Broccini, 69′ Toros (PR)

Roma – Inter 3-0

18′ Galli, 25′ Bortoletto, 59′ Pandolfini

Torino – Lazio 3-1

16′ Bacci, 27′ Vivolo (LA) rig., 38′ Bacci, 84′ Buhtz

Udinese – Fiorentina 2-1

65′ Pinardi rig., 72′ Segato (FI), 88′ Pinardi rig.

Classifica:

Milan 35; Bologna e Roma 29; Fiorentina e Udinese 28; Juventus 27; Inter e Torino 26; Napoli e Sampdoria 24; Lazio e Triestina 22; Catania e Genoa 21; Novara 20; Atalanta 19; Spal 17; Pro Patria 12.
Il Milan pareggia in casa con il Bologna e senza strafare mantiene intatto il grosso vantaggio sulle seconde in classifica. Nella lotta alle spalle degli uomi del presidente Rizzoli spiccano le vittorie ottenute dalla Roma sull’Inter e dall’Udinese sulla Fiorentina che perde gara e testa terminando la contesa in nove uomini.

Il 29 marzo nelle elezioni interne della FIAT crolla la C.I.G.L. di stampo comunista, mentre aumenta i propri consensi la C.I.S.L vicina agli ambienti democristiani. Inizia l’effetto Scelba, a sua volta in visita alla Casa Bianca per dare ulteriori rassicurazioni sulla fedeltà italiana al modello capitalista.

Il giorno successivo la nazionale è impegnata in Germania Occidentale in un’incontro che li vede opposti ai “campioni del mondo”, i quali hanno appena superato un brutto momento a causa di un’epatite virale che ha colpito gran parte dei partecipanti alla spedizione svizzera e che ha sollevato sospetti di doping.

La nazionale azzurra che rispetto alle precedenti uscite vittoriose presenta le novità costituite dal ritorno di Giuseppe Chiappella e dagli esordi dell’udinese Menegotti e del felsineo Gino Pivatelli, troveranno una squadra diversa che presenta tra gli altri un giovanissimo Uve Seeler, uno dei più grandi cannonieri della storia del calcio tedesco.
200: Stoccarda (Neckarstadion) -mercoledì, 30 marzo 1955 – ore 15,30

GERMANIA OVEST – ITALIA 1-2 (am.)

RETI: 9′ Frignani, 29′ Juskowiak pen. (G), 40′ Pivatelli

GERMANIA OVEST: Herkenrath, Juskowiak, Kohlmeyer, Mai, Posipal, Harpers, Rahn (46′ Waldner), Morlock, Seeler, Fritz Walter (cap.), H. Schäfer. C.T: S. Herberger.

ITALIA: G. Viola (Juventus) 4, Magnini (Fiorentina) 9, Giacomazzi (Inter) 7, Chiappella (Fiorentina) 4, R. Ferrario (Juventus) 4, Moltrasio (Torino) 3, Pandolfini (Roma) 18 (cap.), Menegotti (Udinese) 1, C. Galli (Roma) 7, Pivatelli (Bologna) 1, Frignani (Milan) 11. C.T.: Commissione tecnica federale; all.: A. Foni.

ARBITRO: Zsolt (Ungheria).

SPETTATORI: 82.000
Davanti a spalti gremiti in ogni ordine di posto la nazionale guidata da Alfredo Foni ottiene la terza vittoria consecutiva. Si tratta di un grande successo che riempie d’orgoglio le migliaia d’immigrati giunti in Germania per trovare un lavoro.
25a GIORNATA: domenica 3 aprile 1955

Bologna – Genoa 2-1

6′ Pivatelli, 75′ Dal Monte (GE) rig., 81′ Pivatelli rig.

Fiorentina – Pro Patria 1-0

86′ Bizzarri

Inter – Milan 1-1

49′ Brighenti (IN), 86′ G. Nordahl

Juventus – Roma 1-1

21′ Galli, 23′ Montico (JU)

Lazio – Catania 1-0

75′ J. Hansen

Novara – Napoli 2-1

1′ Arce, 39′ Golin (NA), 73′ Arce

Spal – Udinese 1-4

49′ Selmosson, 58′ Castaldo, 70′ Bettini, 76′ La Forgia, 90′ Rossi (SP)

Sampdoria – Torino 1-1

40′ Conti (SA), 45′ Bacci

Triestina – Atalanta 3-1

25′ Secchi, 45′ Dorigo, 69′ Secchi, 74′ Rasmussen (AT)

Classifica:

Milan 36; Bologna 31; Fiorentina, Roma e Udinese 30; Juventus 28; Inter e Torino 27; Sampdoria 25; Lazio, Napoli e Triestina 24;
Novara 22; Catania e Genoa 21; Atalanta 19; Spal 17; Pro Patria 12.

Un gol di Gunnar Nordahl a quattro minuti dal termine toglie all’Inter l’unica soddisfazione stagionale ancora raggiungibile – la vittoria nel derby – e mantiene chiuso il campionato. Solo il Bologna riesce ad approfittare del pareggio rosso-nero rosicchiando un punticino. Comunque in settimana c’è un impegno molto importante per un’inseguitrice: vincendo il recupero contro la Triestina, la sorprendente Udinese si porterebbe in seconda posizione.
RECUPERO 22’a GIORNATA: mercoledì 6 aprile 1955

Udinese – Triestina 1-1

9′ Bettini (UD), 67′ Secchi
All’Udinese non riesce l’impresa di aggiudicarsi il derby regionale contro una Triestina assetata di punti e si deve accontentare di affiancare il Bologna in seconda posizione.
26a GIORNATA: domenica 10 aprile 1955

Bologna – Inter 3-2

6′ Pivatelli, 11′ aut. Ballacci (IN), 14′ e 46′ Pivatelli rig., 73′ Armano (IN)

Catania – Triestina 2-1

28′ Fusco, 36′ Secchi (TS), 38′ Ghiandi

Genoa – Sampdoria 1-1

6′ Frizzi (GE), 50′ Conti

Milan – Fiorentina 4-0

12′ Schiaffino, 32′ G. Nordahl, 54′ e 66′ L. Soerensen

Napoli – Spal 2-1

4′ Jeppson, 21′ Vinyei, 49′ Rossi (SP)

Pro Patria – Novara 0-0

Roma – Atalanta 0-0

Torino – Juventus 2-2

4′ Antoniotti (TO), 8′ aut. Bearzot, 18′ Manente rig., 46′ Bacci (TO)

rig.
Udinese – Lazio 1-1

17′ J. Hansen, 79′ Selmosson

Classifica:

Milan 38; Bologna 33; Udinese 32; Roma 31; Fiorentina 30; Juventus 29; Torino 28; Inter 27; Napoli e Sampdoria 26; Lazio e Triestina 25; Catania e Novara 23; Genoa 22; Atalanta 20; Spal 17; Pro Patria 13.
Contro una delle migliori squadre del campionato, la Fiorentina, il Milan fornisce una prova di forza straripante alla quale risponde il solo Bologna vittorioso sull’Inter grazie ad una tripletta di Gino Pivatelli. Il tecnico dei felsinei Viani ha costruito una squadra solida formata da giovani che sembrano garantire agli emiliani un futuro ad altissimo livello degno della squadra che negli anni trenta faceva “tremare il mondo”.
27a GIORNATA: domenica 17 aprile 1955

Atalanta – Fiorentina 5-1

24′ e 40′ Rasmussen, 42′ Brugola, 54′ Rasmussen, 60′ aut. Villa (FI), 82′ Brugola

Catania – Spal 1-0

20′ Ghiandi

Inter – Genoa 0-1

38′ Dal Monte

Juventus – Udinese 1-1

26′ Praest (JU), 58′ Selmosson

Napoli – Triestina 4-0

26′ Jeppson, 33′ Beltrandi, 38′ e 83′ Posio

Novara – Milan 1-1

57′ L. Soerensen, 60′ Colombi (NO)

Pro Patria – Lazio 2-0

22′ Hofling, 58′ Benelli

Roma – Torino 1-0

90′ Pandolfini

Sampdoria – Bologna 2-0

65′ Conti, 77′ Baldini rig.

Classifica:

Milan 39; Bologna, Roma e Udinese 33; Fiorentina e Juventus 30; Napoli, Sampdoria e Torino 28; Inter 27; Catania, Lazio e
Triestina 25; Genoa e Novara 24; Atalanta 22; Spal 17; Pro Patria 15.
Il Novara strappa un punto prezioso ai rossoneri i quali gioiscono comunque dato che a fine giornata vedono aumentare il loro vantaggio sulle immediate inseguitrici per effetto della sconfitta del Bologna che viene appaiato in classifica dalla Roma e dall’Udinese uscito indenne dal campo della Juventus.

Mentre la Milano rosso-nera festeggia, i cugini si interrogano su una stagione che li sta vedendo scivolare sempre di più nei basso-fondi della classifica per effetto della sconfitta casalinga contro il Genoa che fa un passo decisivo verso la salvezza.
28a GIORNATA: domenica 24 aprile 1955

Atalanta – Catania 4-0

31′ Rasmussen, 37′ Annovazzi, 70′ Lenuzza, 87′ Rasmussen

Fiorentina – Napoli 0-0

Genoa – Pro Patria 1-3

19′ Danova, 75′ e 77′ Hofling, 88′ Larsen (GE)

Juventus – Inter 3-2

51′ Praest, 56′ Brighenti (IN), 68′ Montico, 70′ Manente rig., 75′ Armano (IN)

rig.
Lazio – Novara 1-1

28′ Seratoni, 40′ Vivolo (LA)

rig.
Milan – Roma 0-2

54′ Pandolfini rig., 78′ Galli

Spal – Bologna 1-1

12′ Valentinuzzi, 35′ Mion (SP)

Triestina – Torino 2-1

19′ Sabbatella, 36′ Bacci (TO), 69′ Curti

Udinese – Sampdoria 2-1

33′ e 82′ Bettini, 88′ Tortul (SA)

Classifica:

Milan 39; Roma e Udinese 35; Bologna 34; Juventus 32; Fiorentina 31; Napoli 29; Sampdoria e Torino 28; Inter e Triestina 27; Lazio 26; Catania e Novara 25; Atalanta e Genoa 24; Spal 18; Pro Patria 17.
La Roma, vincendo in casa del Milan, improvvisamente rianima il campionato, finora sopito più per i demeriti delle inseguitrici che per i meriti della formazione meneghina, la quale, dopo l’incredibile partenza, ha tenuto un passo da centro-classifica conquistando 19 punti in 17 gare. Di mezzo c’è stato anche l’allontanamento del tecnico ungherese Bela Guttmann avvicendato da Ettore Puricelli abile a riportare serenità nell’ambiente rosso-nero. Oltre alla Roma, artefice dell’impresa di giornata, sorride anche l’Udinese che affianca i giallo-rossi in seconda posizione e prossima avversaria dei milanisti. Vincendo i friulani si troverebbero incredibilmente catapultati nella lotta per il titolo. A questa corsa non partecipa l’Inter, sconfitta per la terza domenica di fila. Nella società ner’azzurra si sta profilando un cambiamento epocale: sono sempre più insistenti le voci che vogliono il passaggio della società nelle mani del petroliere Angelo Moratti.

PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE

Lascia un commento