CAMPIONATO ITALIANO DI CALCIO 1970-71: IL GIRONE D’ANDATA DALLA 5a ALLA 8a GIORNATA

Per tutti ora c’è tempo per riflettere e lavorare. La nazionale infatti parte per l’Austria dove inizia il proprio cammino nella difesa del titolo europeo conquistato a Roma nel giugno del 1968. Prima gli sportivi assistono all’ultima gara del mondiale di Formula UNO 1970. In Messico trionfa la Ferrari, con Icss davanti a Regazzoni. L’eccellente ultima parte di stagione fa ben sperare in un futuro ricco di soddisfazioni per la casa del Cavallino Rampante.

Il giorno della partita con l’Austria porta con sè una novità destinata ad incidere profondamente nel nostro quotidiano: arriva la teleselezione. Dopo varie sperimentazioni essa entra in funzione su tutto il territorio nazionale. D’ora in avanti per chiamare un utente in un altro distretto, basta far precedere il numero dell’abbonato dal prefisso della città in cui vive. Termina l’epoca del

così ben rappresentato dai film di Alberto Sordi.

Nel pomeriggio l’Italia scende in campo al Prater di Vienna. Valcareggi schiera la stessa formazione che ha affrontato in finale il Brasile sostituendo Roberto Boninsegna con Gianni Rivera e avanzando il raggio d’azione di Sandro Mazzola.

294: Vienna (Wiener Stadion, Prater) -sabato, 31 Ottobre 1970 – ore 15,00

AUSTRIA – ITALIA 1-2 (C.E.Q. gir 6 1a gara)

RETI: 27′ De Sisti, 29′ Parits (AU), 34′ A. Mazzola

AUSTRIA: Koncilia (46′ Rettensteiner), Schmidradner, Pumm, Starek, Sturmberger (cap.), Hof, Parits, Hickersberger, Kreuz, Ettmayer, Redl. C.T: L. Stastny.

ITALIA: Albertosi (Cagliari) 29, Burgnich (Inter) 40, Facchetti (Inter) 54 (cap.), M. Bertini (Inter) 16, Rosato (Milan) 25, Cera (Cagliari) 10, Domenghini (Cagliari) 30, Rivera (Milan) 43, A. Mazzola (Inter) 45, De Sisti (Fiorentina) 20, Riva (Cagliari) 24 (76′ S. Gori (Cagliari) 3). C.T.: F. Valcareggi.

ARBITRO: Van Ravens (Olanda).

SPETTATORI: 54.953
La gara non passa alla storia per l’importante successo confezionato dalle reti di Giancarlo De Sisti e Sandro Mazzola, bensì per quanto accade al 76’ quando un brivido corre dietro la schiena di tutti gli appassionati di calcio nel vedere Gigi Riva a terra in lacrime con il perone destro spezzato. Per il calcio italiano e soprattutto per il suo Cagliari è un colpo duro, immediatamente e cinicamente l’Austria comprende tutto ciò gettandosi furiosamente in avanti per cercare di recuperare. A quattro minuti dal termine i padroni di casa usufruiscono di un calcio di rigore che Enrico Albertosi para assurgendo ad eroe di giornata.

Mentre la nazione è impegnata nelle commemorazioni e nei festeggiamenti della vittoria nella Prima Guerra Mondiale, su tre campi si gioca per accedere al girone finale di Coppa Italia.
COPPA ITALIA – RITORNO 4i DI FINALE – : mercoledì 4 novembre 1970

Cesena – Napoli 0-1

Livorno – Milan 0-4

Roma – Torino 0-1

Il turno è estremamente favorevole alle squadre in trasferta che, riconfermando le vittorie ottenute nelle partite d’andata, superano agevolmente il turno garantendosi un intenso post season.

Due giorni dopo il governo italiano riconosce la Repubblica Popolare Cinese riprendendo con questa le relazioni diplomatiche. Contemporaneamente nega l’indipendenza alla Cina di Taiwan.

Tutto questo fa parte di un enorme processo di cambiamento della Cina che ha ripreso e normalizzato pure le relazioni diplomatiche con i russi, interrotte all’inizio della “rivoluzione culturale” nel
1966. Inoltre ha riaperto le Università assalite dalle “guardie rosse” e sta rilanciando la produzione con un’altra politica socio-economica promuovendo gli scambi e le relazioni con gli altri Paesi. Insomma la sua “rivoluzione” sta rifluendo lentamente. La Cina sta guardando in occidente, sta “accarezzando” la “grande tigre di carta”, mentre alcuni gruppi italiani dell’estrema sinistra seguitano a guardare alla Cina di Mao in deliquio sventolando il suo “libretto rosso”.
5a GIORNATA: domenica 8 novembre 1970

Bologna – Lazio 2-0

30′ e 42′ Savoldi

Cagliari – Foggia 1-1

4′ Bigon, 40′ Domenghini (CA) rig.

Catania – Varese 0-0

Milan – Inter 3-0

51′ Biasiolo, 69′ Villa, 88′ Rivera

Napoli – Juventus 1-0

45′ Pogliana

Roma – Sampdoria 0-0

Torino – Fiorentina 1-1

30′ Longoni, 53′ Bui (TO)

Verona – LR. Vicenza 1-0

83′ Mascetti

CLASSIFICA:

Napoli 9; Cagliari e Milan 8; Bologna 7; Fiorentina, Foggia, Roma, Torino e Verona 5; Inter, Juventus e Varese 4; Catania, Lazio e Sampdoria 3; LR. Vicenza 2.
La prima gara senza Gigi Riva porta al Cagliari un sofferto pareggio casalingo contro il Foggia sapientemente guidato in panchina da Tommaso Maestrelli. I sardi non hanno dovuto combattere solamente contro le difficoltà causate da un’assenza simile, ma anche contro una squadra ben organizzata e composta da ottimi centrocampisti come l’interno Luciano Re Cecconi, la mezz’ala Giorgio Maioli e il giovane centravanti arretrato Albertino Bigon.

Il Napoli è subito pronto ad approfittare del mezzo passo falso casalingo dei sardi infliggendo alla Juventus la seconda sconfitta consecutiva. Mentre Giuseppe Chiappella vede realizzarsi il proprio progetto: ossia quello di creare una nuova Fiorentina valorizzando i giovani in rosa, Armando Picchi vede profilarsi qualche difficoltà di troppo.

Ancor peggio sta l’Inter pesantemente sconfitta nel derby da un Milan in estrema salute. Heriberto Herrera è già alla resa dei conti: i suoi metodi non portano ad alcun risultato; un altro passo falso e probabilmente …

Il tecnico paraguayano ha una settimana di tempo per invertire la rotta, mentre altre tre compagini sono impegnate nelle coppe.
COPPE EUROPEE – mercoledì 11 novembre 1970
COPPA DEI CAMPIONI – RITORNO 8i DI FINALE

Atletico Madrid – Cagliari 3-0

COPPA DELLE FIERE – RITORNO 16i DI FINALE

Colonia – Fiorentina 1-0

Juventus – Barcellona 2-1

La Juventus completa l’opera estromettendo il Barcellona e dimenticando per una sera le grane del campionato. La Fiorentina, invece non riesce nell’impresa di sovvertire il verdetto della gara d’andata e lascia la competizione. Ma il personaggio che il calcio italiano, e soprattutto il pubblico di fede cagliaritana, non dimenticheranno mai è Luis Aragones, autentico mattatore nella vittoria dell’Atletico Madrid sul Cagliari. Ai sardi rimarrà per sempre il rammarico di aver affrontato l’incontro decisivo privo di Gigi Riva, l’uomo che, data la sua classe, avrebbe potuto incutere timore agli avversari.
6a GIORNATA: domenica 15 novembre 1970

Fiorentina – Milan 2-5

20′ Combin, 34′ e 41′ Prati, 52′ Biasiolo, 56′ De Sisti (FI), 60′ Combin, 86′ Vitali (FI) rig.

Foggia – Catania 1-0

70′ Mola

Inter – Torino 2-0

50 rig. e 67′ Boninsegna

Juventus – Cagliari 2-1

24′ Anastasi, 47′ Gori (CA), 90′ Anastasi

LR. Vicenza – Napoli 0-1

14′ Bianchi

Lazio – Roma 1-1

69′ Dolso (LA), 86′ Petrelli

Sampdoria – Verona 3-0

58′ Sabadini, 66′ Salvi, 70′ Cristin

Varese – Bologna 0-0

CLASSIFICA:

Napoli 11; Milan 10; Bologna e Cagliari 8; Foggia 7; Inter, Juventus e Roma 6; Fiorentina, Sampdoria, Torino, Varese e Verona 5; Lazio 4; Catania 3; LR. Vicenza 2.
Trascinato da un Pierino Prati devastante il Milan dà spettacolo a Firenze ma vede il proprio sforzo vanificato dalla vittoria esterna del Napoli sul campo di Vicenza con i bianco-rossi tristemente ultimi. Risorge la Juventus, vittoriosa sul Cagliari e l’Inter. Il successo contro il Torino non basta ad Heriberto Herrera per conservare la panchina. Al suo posto la dirigenza milanese ingaggia Giovanni Invernizzi, ex mediano fine anni cinquanta.
7a GIORNATA: domenica 22 novembre 1970

Bologna – Sampdoria 1-1

35′ Fotia, 64′ Vastola (BO)

Cagliari – Fiorentina 2-0

13′ Martiradonna, 30′ Nenè

Catania – Lazio 3-1

2′ Baisi, 11′ Massa (LA), 74′ Vaiani, 75′ Bonfanti

Milan – LR. Vicenza 3-1

9′ e 15′ Prati, 45′ aut. Biasiolo (L.), 71′ Prati

Napoli – Inter 2-1

50′ Jair (IN), 70′ Pogliana, 75′ Ghio

Roma – Foggia 3-1

49′ Amarildo, 69′ Garzelli (FO), 80′ Cappellini, 81′ Cordova

Torino – Juventus 2-0

76′ Pulici, 81′ aut. Morini

Verona – Varese 1-1

43′ Mascetti (VE), 67′ Perego

CLASSIFICA:

Napoli 13; Milan 12; Cagliari 10; Bologna 9; Roma 8; Foggia e Torino 7; Inter, Juventus, Sampdoria, Varese e Verona 6; Catania e Fiorentina 5; Lazio 4; LR. Vicenza 2.
Nuova squillante vittoria milanista alla quale il Napoli risponde prontamente battendo l’Inter ed allontanandola dal vertice della graduatoria. Analoga sorte tocca alla Juventus sconfitta nel derby dal Torino. Paolino Pulici, giovane e promettente ala sinistra vive la prima delle sue tante domeniche da eroe.

Gli uomini allenati da Armando Picchi hanno immediatamente l’occasione del pronto riscatto in Coppa delle Fiere.
COPPA DELLE FIERE: ANDATA 8i DI FINALE -: mercoledì 25 novembre 1970

Pecsi Dosza – Juventus 0-1

I bianconeri tornano dall’Ungheria con un’importantissima vittoria che dischiude loro le porte dei quarti di finale di Coppa, ma che soprattutto serve a tenere tranquillo l’ambiente.
8a GIORNATA: domenica 29 novembre 1970

Fiorentina – Bologna 1-2

7′ Rizzo, 37′ De Sisti (FI) rig., 46′ Savoldi

Foggia – Verona 3-0

9′ Bigon, 19′ Saltutti, 32′ Maioli

Inter – Catania 3-2

2′ Boninsegna, 31′ Bernardis (CA), 59′ Achilli, 61′ Boninsegna, 90′ Bonfanti (CA)

Juventus – Roma 2-0

71′ e 89′ Haller

LR. Vicenza – Cagliari 1-1

34′ aut. Castano, 90′ Ciccolo (LR)

Lazio – Napoli 0-0

Sampdoria – Torino 0-0

Varese – Milan 1-1

18′ Villa, 27′ Carelli (VA)

CLASSIFICA:

Napoli 14; Milan 13; Bologna e Cagliari 11; Foggia 9; Inter, Juventus, Roma e Torino 8; Sampdoria e Varese 7; Verona 6;
Catania, Fiorentina e Lazio 5; LR. Vicenza 3.
In una giornata sostanzialmente caratterizzata dai pareggi delle due battistrada fanno sensazione la vittoria del Bologna sulla Fiorentina entrata in crisi, della Juventus sulla Roma per mano dell’uomo di maggiore esperienza Helmut Haller e quella del Foggia sul Verona che proietta i pugliesi nelle zone nobili della classifica.

PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE

Lascia un commento