LA CONCLUSIONE DEL CAMPIONATO ITALIANO DI CALCIO 1971-72

In serata anche la Coppa uefa prende la via della Gran Bretagna andando a far bella mostra di sè nella bacheca del Tottenham Hotspurs. Sul campo di Londra il Volverhampton prova in tutti i modi a sovvertire il risultato dell’andata, ma il portiere nord irlandese Patt Jennings vive una di quelle serate che lo aiuterà ad entrare nella leggenda.
29aGIORNATA: domenica 21 maggio 1972

Atalanta – Milan 0-1

55′ Bigon

Cagliari – Sampdoria 3-1

3′ Mancin, 5′ Riva, 40′ Vitali, 54′ Fotia (SA)

Catanzaro – Verona 0-0

Fiorentina – Juventus 1-1

33′ Merlo (FI), 52′ aut. Ferrante

Inter – Mantova 2-0

74 e 79′ Boninsegna

LR. Vicenza – Varese 0-4

52′ Massimelli, 54′ Braida, 72′ G. Morini, 88′ Braida

Napoli – Bologna 0-0

Torino – Roma 2-0

13′ Rampanti, 28′ Bui

CLASSIFICA:

Juventus 41; Milan e Torino 40; Cagliari 39; Fiorentina 35; Inter 34; Roma 33; Napoli 28; Sampdoria 27; Bologna 25; Atalanta 24; LR. Vicenza 23; Verona 22; Catanzaro 21; Mantova 19; Varese 13.
La Juventus deve ringraziare il viola Ugo Ferrante involontario autore della rete che permette ai bianconeri di affrontare l’ultimo turno casalingo di campionato con una certa tranquillità. Milan e Torino staranno alla finestra sperando in un clamoroso passo falso dei bianco-neri opposti al Vicenza comunque alla ricerca di almeno un punto per avere la certezza di rimanere nel massimo campionato anche l’anno successivo.

La matematica non esclude nemmeno il Cagliari il quale può aspirare al massimo a giocarsi lo scudetto attraverso uno spareggio in caso di sconfitta di chi lo precede.

Il mantovano Roberto Boninsegna, voglioso di riconfermarsi al vertice della classifica dei cannonieri, condanna la squadra della sua città alla retrocessione matematica. Ora in lizza per evitare l’ultimo posto per il purgatorio della serie B ci sono il Catanzaro, il Verona, reduce dal buon pareggio in terra calabrese e il Lanerossi Vicenza clamorosamente sconfitto dal Varese alla sua prima vittoria stagionale. Festeggiano Atalanta e Bologna.

Intanto c’è una tifoseria in fermento: in settimana l’Inter affronta i detentori dell’Ajax nella finale di Coppa dei Campioni. Sul campo di Rotterdahm i milanesi sono naturalmente sfavoriti. il romeno Covacs, subentrato in panchina a Michels passato al Barcellona, all’ormai celeberrima organizzazione tattica dei lancieri ha unito quel pizzico di fantasia che fa dell’Ajax una compagine imprevedibile. Tutto questo esalta ancor di più Johan Cruijff che agisce nel ruolo di punta centrale. Giovanni Invernizzi, dal canto suo, decide di affidare la marcatura dell’asso olandese al giovane Gabriele Oriali, mediano dotato di grandi risorse fisiche, utili per contrastare le discese di quello che viene soprannominato “il Pelè bianco”.
COPPA DEI CAMPIONI – FINALE – Rotterdam, mercoledì 24 maggio 1972
AJAX – INTER 2-0

RETI: 57’ e 78’ Cruijff.

AJAX: Stuy, Suurbier, Blankenburg; Hulshoff, Krol, Neeskens; Haan, Mühren, Swart, Cruijff, Keizer. All.: S. Covacs.

INTER: Bordon, Bellugi, Facchetti; Oriali, Burgnich, Giubertoni (Bertini); Jair (Pellizzaro), Bedin, Boninsegna, Mazzola, Frustalupi. All.: G. Invernizzi.
L’Inter disputa una gara puntigliosa ma non può nulla contro un’Ajax all’apice della propria forma. Oriali si danna l’anima per tenere Cruijff, ma l’olandese, nel pieno delle proprie facoltà psico-fisiche, dispone dei colpi per sfuggire a qualsiasi marcatura. Per l’UInter si chiude definitivamente un ciclo di vittorie. L’ossatura della squadra è ormai logora con la maggior parte dei giocatori vicina ai trent’anni, età in cui per gli atleti inizia la parabola discendente.
30aGIORNATA: domenica 28 maggio 1972

Atalanta – Napoli 3-1

8′ Bianchi, 10′ e 50′ Magistrelli, 52′ Altafini (NA) rig.


Bologna – Torino 2-3

32′ Fedele (BO), 50′ Agroppi, 58′ Savoldi (BO) rig., 77′ Bui, 81′ Agroppi

Juventus – LR. Vicenza 2-0

26′ Haller, 30′ Spinosi

Mantova – Cagliari 2-1

33′ Riva (CA), 55′ rig., e 90′ S. Petrini

Milan – Catanzaro 1-0

23′ Bigon

Roma – Verona 1-0

67′ Franzot

Sampdoria – Fiorentina 0-0

Varese – Inter 0-3

27′ Boninsegna, 62′ Pellizzaro, 76′ Frustalupi

CLASSIFICA:

Juventus 43; Milan e Torino 42; Cagliari 39; Fiorentina e Inter 36; Roma 35; Napoli e Sampdoria 28; Atalanta 26; Bologna 25; LR. Vicenza 23; Verona 22; Catanzaro e Mantova 21; Varese 13.
Mentre si avvicina l’estate il campionato vive il suo epilogo. Apre le danze il Milan passando con Albertino Bigon e gettando nella disperazione il Catanzaro. La notizia del gol rossonero arriva a Torino e scatena la reazione rabbiosa della Juventus che in quattro minuti liquida la pratica Vicenza ipotecando lo scudetto dopo mezz’ora. La festa bianconera è ancora più grande quando Adriano Fedele, roccioso terzino bolognese, infila la porta del granata Luciano Castellini. La ripresa si apre con la reazione del” Toro” guidata da Aldo Agroppi. A metà del secondo tempo il Catanzaro torna a sperare: Walter Franzot, alla sua ultima gara in giallo-rosso, infila la porta del Verona riaccendendo gli animi a San Siro. Il Milan, così come il Torino in piena rimonta a Bologna, vuole giocarsi fino in fondo le proprie carte, sperando in qualche cosa di clamoroso sul campo di Torino. I risultati provenienti da Roma e Milano, però, tranquillizzano i berici che non fanno nulla per riequilibrare il match.

Alla fine la Juventus gioisce, Milan e Torino si rammaricano, mentre piange il Catanzaro retrocesso dopo solo un anno di permanenza nella massima divisione. Con un po’ di fortuna si salvano le due rappresentanti del Veneto che in estate dovranno operare bene per approntare organici maggiormente competitivi.

Fa notizia anche la gara di Bergamo nella quale si registra l’ultimo gol di Josè Altafini con la maglia del Napoli.
LA CLASSIFICA

POS. SQUADRA P. G. V. N. S. V. N. S. V. N. S. G.F. G.S.

1. JUVENTUS 43 30 13 2 0 4 7 4 17 9 4 48 24

2. Milan 42 30 9 4 2 7 6 2 16 10 4 36 17

3. Torino 42 30 13 2 0 4 6 5 17 8 5 39 25

4. Cagliari 39 30 11 3 1 4 6 5 15 9 6 39 23

5. Inter 36 30 8 6 1 5 4 6 13 10 7 49 28

6. Fiorentina 36 30 9 4 2 3 8 4 12 12 6 28 20

7. Roma 35 30 10 4 1 3 5 7 13 9 8 37 31

8. Napoli 28 30 4 11 0 2 5 8 6 16 8 27 31

9. Sampdoria 28 30 6 7 2 2 5 8 8 12 10 23 28

10. Atalanta 26 30 7 6 2 2 2 11 9 8 13 21 26

11. Bologna 25 30 6 5 4 1 6 8 7 11 12 28 36

12. LR. Vicenza 23 30 6 1 8 2 6 7 8 7 15 30 43

13. Verona 22 30 4 9 2 0 5 10 4 14 10 21 36

14. MANTOVA 21 30 3 6 6 3 3 9 6 9 15 23 39

15. CATANZARO 21 30 3 9 3 0 6 9 3 15 12 17 34

16. VARESE 13 30 0 6 9 1 5 9 1 11 18 17 42

480 240 112 85 43 43 85 112 165 170 165 483 483

Archiviati campionato e coppe europee, ci si avvia a vivere un intenso post season con ben otto compagini impegnate nel contendersi la Coppa Italia. Tuttavia era ben altro il finale di stagione che avrebbe voluto vivere l’intero movimento: in Belgio si disputa la fase finale del campionato europeo per nazioni nel quale l’Italia, campione uscente, è tristemente assente.

PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE

Lascia un commento