15 OTTOBRE 1972: MILAN-ATALANTA 9-3 E L’ESORDIO DI GIANCARLO ANTOGNONI

Quanto accadrà in questa domenica calcistica di metà ottobre è destinato ad essere ricordato per anni.
3a GIORNATA: domenica 15 ottobre 1972

Bologna – Roma 1-3

19′ Muiesan, 34′ Savoldi (BO) rig., 40′ Spadoni, 61′ Muiesan

Cagliari – Palermo 2-0

4′ Martiradonna, 64′ Maraschi

Lazio – Juventus 1-1

14′ Chinaglia (LA) rig., 20′ Bettega

Milan – Atalanta 9-3

16′ Prati, 30′ Bigon, 33′ Divina (AT), 35′ Rivera, 40′ Benetti, 50′ Chiarugi, 52′ Rivera, 54′ Ghio (AT), 55′ Prati,
64′ Bigon, 88′ Carelli (AT), 90′ Prati

Napoli – LR. Vicenza 2-0

5′ e 90′ Damiani

Sampdoria – Inter 0-1

48′ Bedin

Torino – Ternana 2-0

39′ e 90′ Pulici

Verona – Fiorentina 1-2

6′ aut. Mascalaito, 39′ Clerici, 82′ Zigoni (VE)

CLASSIFICA:

Milan, Napoli e Roma 5; Fiorentina, Inter, Juventus, Lazio e Torino 4; Cagliari 3; Atalanta, LR. Vicenza, Palermo e Verona 2;
Bologna e Ternana 1; Sampdoria 0.
A San Siro va in scena la partita col maggior numero di reti da quando è stato istituito il girone unico nel 1929. Il Milan esprime tutto il suo immenso potenziale offensivo. Luciano Chiarugi dà alla squadra ancora più imprevedibilità diventando un ottimo punto di riferimento per le invenzioni di Rivera, anch’egli quanto mai prolifico. Quanto fatto dagli uomini di Rocco è ancor più impressionante se si pensa che il portiere atalantino Pianta era l’unico ad essere ancora imbattuto addirittura dall’inizio della Coppa Italia.

Non per rigirare il coltello nella piaga di qualche tifoso orobico che, probabilmente ancor oggi inorridisce al ricordo di quella soleggiata domenica d’ottobre, riportiamo la descrizione dei gol di questa incredibile partita avvenuta in un periodo in cui le segnature sono rare.

1-0
Prati al 15′ sfrutta un dosato allungo di «Schnelli», aggira Vianello e batte un tentennante Pianta.
2-0
Secondo goal al 30′: punizione di Rivera, Prati alza di testa verso Bigon che, solo soletto, infila Pianta sempre di testa (inutili le proteste orobiche
per un presunto fuorigioco di posizione di Benetti).
2-1
L’Atalanta si porta sul 2-1 al 33′ con fuga e cross di Ghio, e splendida incornata di Divina.
3-1
Nemmeno il tempo di pensare che la partita si è fatta equilibrata e il Milan triplica con azione trascinante: Rivera chiede il triangolo a Chiarugi che
gli scodella sul piede un pallone-super che il «capitano» deposita in rete sull’uscita di Pianta.
4-1
Quaterna al 40′: cross di Zignoli, tacco astutissimo di Chiarugi e bomba a bersaglio del buon Benetti.
5-1
Il Milan va a cinque al 6′ della ripresa con Chiarugi che riceve da Rosato, entra in area e spiazza Pianta con un piatto sinistro.
6-1
Sesta rete un attimo dopo con Chiarugi che ruba la palla a Maggioni e la pennella in area, dove Prati lascia a Rivera il compito di segnare.
6-2
Il 2-6 dell’Atalanta porta la firma di Ghio che infila di testa su punizione di Pirola.
7-2
Il Milan risponde cosi allo «sgarbo»: punizione di Rivera, testa di Prati, Pianta resta… piantato in terra ed è il settimo gol.
E’ il 10′ della ripresa e Corsini manda il povero portiere a farsi una doccia. Entra Grassi tutto arzillo e per 9′ resiste…
8-2
poi capitola al 19′ su azione Benetti-Bigon e comodo tiro da pochi passi, mentre gli atalantini s’intralciano che è una bellezza.
8-3
al 39′ Carelli infila rasoterra su servizio di Picella e
9-3
al 44′ Prati che brucia la barriera su punizione dal limite.

Vediamo come una descrizione della partita fatta dall’Unità:

La grande vittoria ottenuta comunque non serve ai rosso-neri per rimanere da soli in vetta: trascinata dall’ex Lucio Muiesan la Roma espugna Bologna, mentre Oscar Damiani regala al Napoli un’importante vittoria contro il Vicenza.

Sale in classifica anche la Fiorentina reduce dalla vittoria di Verona. Uno dei protagonisti del successo viola è il diciottenne Giancarlo Antognoni che sul campo scaligero disputa la prima di oltre 350 gare in serie A con la maglia dei gigliati di cui diventerà l’indiscussa bandiera.

PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE

Lascia un commento