CAMPIONATO ITALIANO DI CALCIO 1972-73: IL GIRONE D’ANDATA DALLA 12a ALLA 15a GIORNATA

Le tematiche proposte dalla 11a giornata del girone d’andata del campionato italiano di calcio 1972-73 passano tuttavia in secondo piano di fronte alle immagini provenienti dal Vietnam. Nonostante la promessa di trattative di pace, il 18 dicembre si registra una nuova recrudescenza dei bombardamenti statunitensi. Viene distrutto ciò che resta della capitale Anoy: la fine delle ostilità sembra lontanissima.

Da noi tutti si apprestano a preparare il Natale, non prima di aver assistito ad un’altro interessante turno di campionato.
12a GIORNATA: domenica 24 dicembre 1972

Atalanta – Palermo 1-0

85′ Sacco

Fiorentina – Roma 2-1

30′ Caso, 32′ Spadoni (RM), 51′ Orlandini

Juventus – Ternana 2-0

32′ Causio rig., 60′ Altafini

Lazio – Torino 0-0

Napoli – Milan 0-0

Sampdoria – Bologna 2-1

42′ Salvi, 45′ Spadetto, 57′ Perani (BO)

Verona – Cagliari 1-1

55′ Busatta (VE), 86′ Riva

CLASSIFICA:

Inter, Juventus e Lazio 17; Milan 16; Fiorentina 14; Roma e Torino 13; Bologna e Napoli 11; Atalanta 10; Cagliari, Palermo
e Verona 9; Sampdoria e Ternana 8; LR. Vicenza 6.

Il gelo di dicembre sembra aver raffreddato gli attacchi che vanno a segno con difficoltà. Il Milan non va oltre il pari a Napoli, così come la Lazio che si limita ad affiancare in classifica l’Inter costretta allo stop a causa del maltempo che ha colpito Vicenza. Vola la Juventus al quinto successo consecutivo ed ora è prima sebbene in coabitazione.

Anche quest’anno Natale arriva con le sue nuove tradizioni consumistiche. La gente ha preso l’abitudine di scambiarsi doni in un’atmosfera di fiducia. Le previsioni riguardanti il 1973 dicono che sarà un anno di ripresa economica e di calma sotto il profilo sociale.

Prima di esplodere i botti di Capo d’anno la serie A scende nuovamente in campo.
13a GIORNATA: sabato 30 dicembre 1972

Cagliari – Napoli 1-0

43′ Gori

Fiorentina – Ternana 2-1

7′ e 57′ Clerici, 89′ Rosa (TE) rig.

Juventus – Atalanta 0-0

LR. Vicenza – Roma 0-0

Lazio – Bologna 0-0

Milan – Torino 1-0

87′ Rivera

Palermo – Inter 0-2

61′ Boninsegna, 77′ Moro

Sampdoria – Verona 0-1

50′ Mazzanti

CLASSIFICA:

Inter 19; Juventus, Lazio e Milan 18; Fiorentina 16; Roma 14; Torino 13; Bologna 12; Atalanta, Cagliari, Napoli e Verona 11;
Palermo 9; Sampdoria e Ternana 8; LR. Vicenza 7.

Pochi gol chiudono questo 1972, ma permettono alle quattro maggiori contendenti di allungare sulle altre nella lotta per lo scudetto.

In zona salvezza il Verona ottiene una vittoria fondamentale sul campo della Sampdoria e raggiunge quota 11 affiancando tra le altre anche il Napoli. Dopo una partenza incoraggiante, i campani hanno calato notevolmente il loro rendimento ed ora si trovano nella condizione di dover lottare per non retrocedere.

Nello stesso giorno,dopo le polemiche e le grandi manifestazioni successive ai bombardamenti del 18 dicembre, Nixon dichiara il termine degli attacchi aerei in Vietnam e promette l’apertura di trattative di pace. Sul presidente neo eletto, però, iniziano a stendersi le ombre dello scandalo. Comunque un motivo di conflitto sociale inizia a venir meno.

Tutti sono pronti ora ad entrare nel 1973, un anno che, secondo il parere di politici ed economisti, dovrebbe essere foriero di ottime notizie per tutti! Drastico abbassamento dell’inflazione (al 10 % nel 1972) e della disoccupazione, sconfitta del terrorismo, nuovi e migliori servizi sociali, sono le promesse che vengono fatte alla popolazione affinché possa accogliere in letizia e con i calici alzati il nuovo anno.

In un simile clima festaiolo la ripresa del campionato ha un gusto particolare, soprattutto se in programma c’è la partitissima Inter-Juventus, con le due compagini in piena lotta per lo scudetto.
14a GIORNATA: domenica 7 gennaio 1973

Atalanta – Fiorentina 1-1

71′ Clerici rig., 90′ Vianello (AT)

Bologna – Milan 3-2

4′ Ghetti, 27′ Savoldi rig., 42′ Novellini, 60′ Rivera (MI) rig., 87′ Chiarugi (MI)

Inter – Juventus 0-2

32′ Altafini, 85′ Anastasi

Napoli – Sampdoria 0-0

Roma – Palermo 0-0

Ternana – LR. Vicenza 2-0

50′ aut. Faloppa, 89′ Cardillo

Torino – Cagliari 0-0

Verona – Lazio 1-1

53′ Chinaglia, 68′ Mascetti (VE)

CLASSIFICA:

Juventus 20; Inter e Lazio 19; Milan 18; Fiorentina 17; Roma 15; Bologna e Torino 14; Atalanta, Cagliari, Napoli e Verona 12;
Palermo e Ternana 10; Sampdoria 9; LR. Vicenza 7.

La doppia A (Altafini-Anastasi) schianta l’Inter e porta la Juventus in vetta da sola al comando. La marcia dei bianconeri si è fatta impetuosa puntando su una difesa granitica e su un reparto avanzato abile a sfruttare le occasioni che si presentano.

La notizia di giornata arriva però da Bologna dove il Milan subisce una brutta sconfitta. I rosso-neri disputano un primo tempo da incubo, nel quale tra l’altro recriminano per il rigore trasformato da Savoldi. Nella ripresa gli uomini diretti da Rocco reagiscono rischiando di portare a termine una rimonta che avrebbe avuto del clamoroso.

Il secondo weekend dell’anno il campionato è nuovamente fermo per dar spazio alle qualificazioni mondiali della nazionale azzurra. A Napoli arriva la Turchia, compagine tecnicamente non all’altezza degli azzurri, ma decisamente ostica. Fuori Sandro Mazzola, Valcareggi punta sul blocco Juventus inserendo in formazione cinque calciatori bianconeri.
310: Napoli (Stadio “San Paolo”) – domenica 13 gennaio 1973 – ore 14,30

ITALIA -TURCHIA 0-0 (C.M.Q. gir. 2, 3a gara)

ITALIA: Zoff (Juventus) 23, Spinosi (Juventus) 9, Marchetti (Juventus) 4, Agroppi (Torino) 5, Bellugi (Inter) 3, Burgnich (Inter) 55 (cap.), Causio (Juventus) 5, F. Capello (Juventus) 7, Chinaglia (Lazio) 5
(56′ Anastasi (Juventus) 14), Rivera (Milan) 50, Riva (Cagliari) 34. C.T.: F. Valcareggi.

A disposizione: Albertosi (Cagliari), Rosato (Milan), Benetti (Milan).

TURCHIA: Sabri, Mehmet II, Özer, Muzaffer, Zekeriya, Ziya (cap.), Fuat (87′ Köksal), Bülent, Mehmet I, Cemil (82′ Osman), Metin. C.T.: C. Özari.

ARBITRO: Kruashvili (UR.S.S.).

SPETTATORI: 60,400
Come previsto i turchi erigono autentiche barricate davanti la loro porta e non permettono agli azzurri alcuna realizzazione. Per la seconda volta consecutiva ci si deve accontentare di un pareggio a reti bianche.

In settimana viene recuperato uno dei due incontri rinviati a dicembre a causa del maltempo. Milan e Lazio si giocano la possibilità di rafforzare la loro posizione in classifica. I rosso-neri vogliono anche dimenticare la brutta e discussa sconfitta di Bologna.
RECUPERO 11a GIORNATA: mercoledì 17 gennaio 1973

Milan – Lazio 3-1

9′ aut. Rosato (LA), 45′ Chiarugi, 48′ Bigon, 72′ Benetti
L’autorete in apertura di Roberto Rosato dischiude ai rossoneri pessime prospettive, ma la prodezza di Luciano Chiarugi allo scadere della prima frazione di gara cambia totalmente le cose. I milanisti iniziano la ripresa con un piglio nettamente differente andando ad imporsi con un punteggio che non ammette repliche.
15a GIORNATA: domenica 21 gennaio 1973

Cagliari – Bologna 1-0

45′ Brugnera

Fiorentina – Inter 1-2

12′ Caso (FI), 63′ Moro, 71′ Massa

Juventus – Roma 1-0

24′ Altafini

LR. Vicenza – Atalanta 1-1

77′ Pellizzaro, 78′ Vitali (LR)

Lazio – Napoli 3-0

51′ Manservisi, 69′ Nanni, 87′ Chinaglia

Milan – Verona 2-1

15′ e 53′ Chiarugi, 90′ Mascetti (VE) rig.

Palermo – Ternana 1-1

21′ Jacolino, 63′ Favalli (PA)

Sampdoria – Torino 2-1

4′ Spadetto, 42′ Bui (TO), 66′ Badiani

CLASSIFICA:

Juventus e Milan 22; Inter e Lazio 21; Fiorentina 17; Roma 15; Bologna, Cagliari e Torino 14; Atalanta 13; Napoli e Verona 12;
Palermo, Sampdoria e Ternana 11; LR. Vicenza 8.

Juventus e Milan giungono appaiate al vertice e conquistano ex equo il titolo di Campione d’Inverno. Subito dietro giungono la Lazio e l’Inter. Laclassifica è bugiarda in quanto Mazzola e compagni debbono ancora disputare una gara e, teoricamente, hanno ancora la possibilità di portarsi da soli al comando. In pratica ben quatro squadre possono contendersi il tricolore.

Altrettanto avvincente si profila la lotta per accedere alla Coppa Uefa e per la salvezza dove il solo Vicenza non sembra in grado di poter competere ad armi pari con le avversarie.

PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE

Lascia un commento