COPPA ITALIA 1976-77: LA CONCLUSIONE DELLA PRIMA FASE

Priva delle squadre impegnate nelle coppe europee, in serata la coppa Italia prosegue il suo corso con un turno che, per forza di cose, sarà interlocutorio.
COPPA ITALIA – FASE ELIMINATORIA 4a GIORNATA -: domenica 12 settembre 1976
GIRONE A

Atalanta – Novara 3-1

Catania – Lazio 1-3

Riposa: Milan

CLASSIFICA:

Atalanta e Milan 5; Lazio 4; Catania 2; Novara 0.
GIRONE B

Monza – Genoa 2-2

Sambenedettese – Verona 1-2

Riposa: Juventus

CLASSIFICA:

Genoa e Juventus 5; Verona 4; Monza 2; Sambenedettese 0.
GIRONE C

Palermo – Fiorentina 1-1

Varese – Pescara 1-0

Riposa: Inter

CLASSIFICA:

Fiorentina 6; Inter 5; Varese 2; Palermo 1; Pescara 0.
GIRONE D

Catanzaro – Ternana 1-2

Como – Spal 2-1

Riposa: Cesena

CLASSIFICA:

Spal 6; Cesena e Como 3; Catanzaro e Ternana 2.
GIRONE E

Ascoli – Foggia 0-0

Taranto – Lecce 0-1

Riposa: Torino

CLASSIFICA:

Lecce 7; Torino 4; Ascoli e Foggia 2; Taranto 1.
GIRONE F

Bologna – Rimini 3-0

Roma – Brescia 4-1

Riposa: Avellino

CLASSIFICA:

Bologna 6; Roma 5; Rimini 3; Avellino 1; Brescia 0.
GIRONE G

LR. Vicenza – Modena 3-1

Sampdoria – Cagliari 1-2

Riposa: Perugia

CLASSIFICA:

LR. Vicenza 6; Perugia 5; Cagliari 4; Modena 1; Sampdoria 0.
Arriva il primo verdetto ed ha del clamoroso: due squadre di serie B sono le prime a non dover attendere la conclusione dei gironi prima di conoscere il loro destino: Spal e Lecce sono già in semifinale. I romagnoli hanno fatto fuori il Cesena rivelazione dell’anno precedente, mentre i giallo-rossi salentini hanno eliminato niente meno che i Campioni d’Italia. Per gli uomini allenati da Radice arriva immediatamente la possibilità di riscattarsi nella loro gara d’esordio in Coppa dei Campioni contro gli svedesi del Malmoe. C’è attesa anche per il debutto europeo della Juventus di Trapattoni impegnata sul difficile terreno del Manchester City.

Nella mattinata di questo mercoledì di metà settembre la terra torna a tremare violentemente in Friuli. Ancora danni, paura e vittime. Ciò che è rimasto in piedi nel sisma di maggio è andato completamente distrutto.
COPPE EUROPEE: mercoledì 15 settembre 1976
COPPA DEI CAMPIONI – ANDATA 16i DI FINALE

Torino – Malmoe 2-1

COPPA DELLE COPPE – ANDATA 16i DI FINALE

Bodo Glimt – Napoli 0-2

COPPA UEFA – 32i DI FINALE

Dinamo Bucarest – Milan 0-0

Inter – Honved 0-1

Magdeburgo – Cesena 3-0

Manchester City – Juventus 1-0

Il gol in apertura realizzato dallo svedese Johnson gela il Comunale di Torino. Sembra il presagio ad una serata ampiamente negativa per le squadre italiane. Roberto Mozzini e Francesco Graziani sistemano le cose per il Torino, ma la serata non è certamente da considerarsi positiva. Solo il Napoli può affrontare la gara di ritorno con una certa tranquillità grazie alla doppietta realizzata da Walter Speggiorin. In Coppa Uefa solo il Milan ottiene un risultato positivo pareggiando in Romania. Per il resto la Juventus torna da Manchester con una sconfitta di misura comunque difficile da rimontare, mentre per Inter, battuta in casa dall’Honved, compagine lontanissima parente di quella che incantava l’Europa all’inizio degli anni cinquanta e Cesena, pesantemente sconfitto a Magdeburgo da un gruppo ancora capace di mantenersi a buoni livelli, la prosecuzione dell’avventura europea sembra gravemente compromessa.

In tutto il XX secolo l’anno bisistile è sempre stato caratterizzato da due avvenimenti: le Olimpiadi e l’elezione del Presidente degli Stati Uniti, dal secondo dopoguerra l’uomo più potente del mondo. Anche questa volta non si fa eccezione. Oltre oceano è iniziata la corsa alla Casa Bianca. Il nuovo inquilino avrà due missioni da compiere: far dimenticare la sconfitta nella guerra in Vietnam e soprattutto chiudere con lo Scandalo del Watergate. Intanto un’altra nazione a noi molto più vicina vede la rielezione di un personaggio fondamentale per la pace mondiale e soprattutto medio-orientale: il 17 settembre Anwar Sadat viene rieletto presidente dell’Egitto quasi all’unanimità.

Si chiude la prima fase di Coppa Italia. Cinque gironi sono ancora in bilico e qualche squadra, rimanendo a guardare in quanto ha già esaurito le proprie gare, rimane in attesa dei verdetti.
COPPA ITALIA – FASE ELIMINATORIA 5a GIORNATA -: domenica 19 settembre 1976
GIRONE A

Catania – Atalanta 0-1

Novara – Milan 0-3

Riposa: Lazio

CLASSIFICA:

MILAN e Atalanta 7; Lazio 4; Catania 2; Novara 0.
GIRONE B

Genoa – Juventus 0-0

Monza – Sambenedettese 0-0

Riposa: Verona

CLASSIFICA:

JUVENTUS E Genoa 6; Verona 4; Monza 3; Sambenedettese 1.
GIRONE C

Inter – Pescara 1-0

Palermo – Varese 1-1

Riposa: Fiorentina

CLASSIFICA:

INTER 7; Fiorentina 6; Palermo e Varese 3; Pescara 1.
GIRONE D

Cesena – Catanzaro 0-0

Ternana – Como 1-1

Riposa: Spal

CLASSIFICA:

SPAL 6; Cesena e Como 4; Catanzaro e Ternana 3.
GIRONE E

Foggia – Taranto 3-1

Torino – Ascoli 4-1

Riposa: Lecce

CLASSIFICA:

LECCE 7; Torino 5; Foggia 4; Ascoli e Taranto 2.
GIRONE F

Brescia – Avellino 3-0

Roma – Bologna 1-1

Riposa: Rimini

CLASSIFICA:

BOLOGNA 7; Roma 6; Rimini 3; Avellino e Brescia 2.
GIRONE G

LR. Vicenza – Perugia 1-0

Modena – Sampdoria 3-1

Riposa: Cagliari

CLASSIFICA:

LR. Vicenza 8; Perugia 5; Cagliari 4; Modena 3; Sampdoria 0.
Non manca la suspance in questa serata di coppa, soprattutto per designare la vincente del Girone A. Milan ed Atalanta sono giunte appaiate all’ultimo incontro. La differenza reti vedeva favoriti gli orobici, ma a Novara gli uomini di Marchioro, privi di capitan Rivera, si comportano da squadra di rango infliggendo ai piemontesi un secco 3 a 0 col quale sopravanzano i bergamaschi. Spetta a Massimo Silva l’onore di realizzare la rete decisiva.

Gioisce anche il Lanerossi Vicenza, l’unica a qualificarsi a punteggio pieno. Passano anche la Juventus grazie alla miglior differenza reti nei confronti del Genoa, l’Inter, vittoriosa nella gara casalinga col Pescara e il Bologna abile ad uscire imbattuto dal confronto diretto con la Roma.

PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE

Lascia un commento