COPPA ITALIA 1977-78: LE PRIME DUE GIORNATE DELLA FASE ELIMINATORIA

Orfana del Milan, esentato in quanto detentore del trofeo, parte la prima fase della Coppa Italia 1977-78. Per tutte le compagini appartenenti al mondo professionistico si tratta del primo vero banco di prova per testare il lavoro svolto in sede di campagna acquisti.
COPPA ITALIA – FASE ELIMINATORIA 1a GIORNATA -: domenica 21 agosto 1977
GIRONE A

Sambenedettese – Juventus 2-0

Verona – Brescia 1-0

Riposa: Cesena

CLASSIFICA:

Juventus e Verona 2; Brescia, Cesena e Sambenedettese 0.
GIRONE B

Monza – Ternana 3-0

Varese – Lazio 2-1

Riposa: Bologna

CLASSIFICA:

Monza e Varese 2; Bologna, Lazio e Ternana 0.
GIRONE C

Modena – Sampdoria 1-2

Rimini – Fiorentina 1-2

Riposa: Roma

CLASSIFICA:

Fiorentina e Sampdoria 2; Modena, Rimini e Roma 0.
GIRONE D

Genoa – Foggia 5-1

Lecce – Bari 1-0

Riposa: Torino

CLASSIFICA:

Genoa e Lecce 2; Bari, Foggia e Torino 0.
GIRONE E

Atalanta – Cremonese 2-1

Como – Inter 0-2

Riposa: Ascoli

CLASSIFICA:

Atalanta e Inter 2; Ascoli, Como e Cremonese 0.
GIRONE F

Catanzaro – Avellino 2-0

LR. Vicenza – Palermo 1-2

Riposa: Napoli

CLASSIFICA:

Catanzaro e Palermo 2; Avellino, LR. Vicenza e Napoli 0.
GIRONE G

Cagliari – Perugia 0-2

Taranto – Pistoiese 3-0

Riposa: Pescara

CLASSIFICA:

Perugia e Taranto 2; Cagliari, Pescara e Pistoiese 0.
In questa prima giornata, nella quale solo la Lazio, tra le grandi, esce sconfitta, spicca l’impresa del Genoa capace di rifilare un pesantissimo 5 a 1 al Foggia. La compagine allenata da Gigi Simoni non ha subito particolari cambiamenti ed un ulteriore anno di affiatamento al servizio della coppia gol Pruzzo Damiani, autorizza a sognare qualche cosa di più di una tranquilla salvezza.

Continua anche il campionato della contestazione di questo 1977. A Bologna, capitale morale della sinistra italiana, 75.000 militanti d’estrema sinistra giungono per manifestare contro il sostegno dato dal Partito Comunista ad un governo che ritengono repressivo. In piazza ci sono spezzoni di Lc, Autonomia, anarchici, compagni di Dp, il Mls i quali mettono in piedi un corteo privo d’incidenti.

– scrive il Quotidiano dei lavoratori –

Il confronto interno tra l’ala autonoma e quella moderata è tuttavia oggetto di forti polemiche. La frazione riformista non trova lo spazio per una dialettica costruttiva e, nel suo blando tentativo di intervenire, viene sistematicamente messa a tacere dagli autonomi con l’accusa di coltivare le stesse illusioni di Berlinguer, non comprendendo che solo la violenza sociale e quella politica possono far saltare l’anello debole della borghesia e delle multinazionali per l'”autovalorizzazione di classe”.

La manifestazione di Bologna sottolinea ancora una volta le enormi divisioni in seno all’opposizione in Italia: ve n’è una istituzionale rappresentata dal PCI, al quale se ne affianca, o meglio si oppone, una extra-parlamentare che ormai vede nemici in qualsiasi tipo di organizzazione riconosciuta.

In questo clima prosegue la Coppa Italia.

COPPA ITALIA – FASE ELIMINATORIA 2a GIORNATA -: mercoledì 24 agosto 1977
GIRONE A

Brescia – Juventus 0-2

Cesena – Verona 2-0

Riposa: Sambenedettese

CLASSIFICA:

Juventus 4; Cesena e Verona 2; Brescia e Sambenedettese 0.
GIRONE B

Lazio – Monza 2-1

Ternana – Bologna 2-1

Riposa: Varese

CLASSIFICA:

Lazio, Monza, Ternana e Varese 2; Bologna 0.
GIRONE C

Rimini – Modena 0-2

Sampdoria – Roma 1-2

Riposa: Fiorentina

CLASSIFICA:

Fiorentina, Modena, Roma e Sampdoria 2; Rimini 0.
GIRONE D

Bari – Genoa 1-2

Torino – Foggia 4-2

Riposa: Lecce

CLASSIFICA:

Genoa 4; Lecce e Torino 2; Bari e Foggia 0.
GIRONE E

Atalanta – Como 0-0

Inter – Ascoli 0-0

Riposa: Cremonese

CLASSIFICA:

Atalanta e Inter 3; Ascoli e Como 1; Cremonese 0.
GIRONE F

Avellino – LR. Vicenza 1-2

Napoli – Catanzaro 2-0

Riposa: Palermo

CLASSIFICA:

Catanzaro, LR. Vicenza, Napoli e Palermo 2; Avellino 0.

GIRONE G

Pescara – Taranto 0-0

Pistoiese – Perugia 0-1

Riposa: Cagliari

CLASSIFICA:

Perugia 4; Taranto 3; Pescara 1; Cagliari e Pistoiese 0.
La sorpresa di giornata arriva da San Siro dove l’Ascoli, nel quale cerca rilancio l’ex Adelio Moro, talentuosa mezz’ala che molti accreditavano essere l’erede di Gianni Rivera, impone lo 0 a 0 alla nuova Inter di Eugenio Bersellini. Naturalmente i sostenitori interisti non possono essere contenti, ma non sanno che davanti hanno incontrato una compagine destinata a fare sfracelli nel campionato cadetto.

La conformazione particolare del calendario ha fatto si che solamente Juventus, Genoa e Perugia siano ancora a punteggio pieno. Preoccupa il Foggia la cui difesa ha subito ben 9 reti nelle due gare disputate contro squadre di serie A.

PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE

Lascia un commento