BARCELLONA – FORTUNA DUSSELDORF 4-3: LA CATALUNIA IN FESTA PER LA CONQUISTA DELLA COPPA DELLE COPPE

È un maggio caldo in tutti I sensi quello in cui termina il campionato di serie A 1978-79. Il clima quest’anno ha deciso di regalare splendide giornate di sole ideali per andare ad assistere ai numerosi comizi elettorali che stanno infiammando le piazze del nostro Paese in vista delle imminenti elezioni politiche anticipate. Purtroppo la latitanza di Giove Pluvio si dimostra un valido aiuto anche per i numerosi gruppi eversivi pronti a terrorizzare ogni dove ed in ogni modo la gente. Il 14 maggio Roma è teatro di un attentato con una bomba fatta esplodere davanti a Regina Coeli, causa di ingenti danni, anche per la rottura delle tubazioni dell’acqua.

Il calcio europeo, intanto, è pronto ad assegnare il primo trofeo stagionale. Per la Coppa delle Coppe a Basilea si affrontano il Barcellona ed i tedeschi del Fortuna Dusseldorf, compagine che non vanta un passato particolarmente glorioso, ma che, al contrario di molte grandi storiche del nostro calcio, una volta approdata ad una competizione continentale può giocarsi qualche cosa d’importante. Ancora una volta (e ciò avviene ormai per il terzo anno consecutivo) i tifosi italiani stanno a guardare gli altri. I milanisti, ancora in festa, ricevono una notizia che probabilmente non avrebbero mai voluto avere: Gianni Rivera, il loro simbolo, a 36 anni non ancora compiuti, ma dopo 21 anni da calciatore professionista con oltre cinquecento partite in serie A, decide di appendere le fatidiche scarpe al chiodo.
COPPA DELLE COPPE – FINALE -: Basilea, mercoledì 16 maggio 1979
BARCELLONA – FORTUNA DUSSELDORF 4-3 d.t.s.

RETI: 5′ Sanchez, 7′ Allofs T. (FD), 34′ Asensi, 41′ Seel (FD), 103′ aut.Zewe, 110′
Krankl, 114′ Seel (FD).

BARCELLONA: Artola, Zuviria, Albaladejo (De La Cruz); Neeskens, Costas (Martinez), Migueli; Rexach, Sanchez, Krankl, Asensi, Carrasco. All: Rifè.

FORTUNA DUSSELDORF: Daniel, Baltes, Zewe; Zimmermann (Lund), Brei (Weikl), Köhnen; Schmitz, Bommer, Th. Allofs, K. Allofs, Seel.
Barcellona e Fortuna Dusseldorf danno vita ad una partita d’altri tempi. Nella prima frazione della partita le due compagini si rispondono colpo su colpo andando al riposo sul risultato di 2 a 2; al gol iniziale di Sanchez, risponde immediatamente Thomas Allofs, mediano nel giro della nazionale tedesca che, dopo la magra figura rimediata in Argentina, sta vivendo una netta rifondazione sotto la guida del tecnico Juph Derwal. Poco dopo la mezz’ora i catalani tornano avanti grazie ad una rete del vecchio Asensi immediatamente impattata da Seel.

Nel secondo tempo prevale la paura di perdere e il punteggio rimane inchiodato sul 2 a 2, rendendo necessari i tempi supplementari. L’equilibrio regna sovrano fino a quando il difensore tedesco Zeve infila la propria rete a due minuti dal termine del primo extra-time. Il Fortuna attacca esponendosi inevitabilmente ai contropiede spagnoli. In uno di questi l’austriaco Hans Krankl infila la porta tedesca a dieci minuti dal termine portando il punteggio sul 4 a 2. I renani hanno l’indubbio merito di non darsi per vinti e il nuovo gol di Seel rende appassionanti gli ultimi minuti di una sfida che sembra infinita. Gli azur-grana sono abilissimi nel difendere questo importantissimo risultato conquistando il prestigioso trofeo.

PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE

Lascia un commento