MICHELE NAPPI

Nasce a San Gennaro Vesuviano il 30 agosto 1951. Muove i suoi primi passi nelle giovanili della
Juve Stabia, società allora militante in serie D,
esordendo in prima squadra nel corso del campionato 1969-70 collezionando in tutto quattro presenze. Alla fine della stagione Nappi passa alla Palmese, dove rimane per tre anni totalizzando 87 presenze.

Dopo una parentesi al Sorrento, nel 1974 Nappi viene acquistato dal
Perugia, club rimasto miracolosamente in Serie B.

Nel suo primo anno di militanza nel club biancorosso, sotto la guida dell’esordiente
Ilario Castagner, il giocatore contribuisce alla promozione della squadra in
massima serie, dove esordisce il 19 ottobre del 1975
nel match casalingo contro la Lazio.

Con la maglia del Perugia Nappi disputa otto stagioni divenendo uno dei principali artefici del cosiddetto Perugia dei miracoli laureatosi vicecampione d’Italia nella stagione 1978-79, senza perdere nessuna partita, il primo caso nella storia della
Serie A.

Nel 1982, dopo un anno disputato in Serie B
a causa della retrocessione del Perugia avvenuta alla fine della stagione 1980-81,
Nappi effettua di nuovo il salto di categoria venendo acquistato dalla Roma,
con la quale rimane due stagioni vincendo in entrambe un trofeo, scudetto nella sua prima stagione e Coppa Italia in quella successiva.

Il titolo di Campione d’Italia 1982-83 consente alla Roma di giocare in
Coppa dei Campioni: nella competizione continentale Nappi disputa alcune partite giocando anche la finale, persa contro il
Liverpool ai rigori.

Tipico terzino destro arcigno e insuperabile, in giallo-rosso, sotto la guida di Niels Liedholm, Nappi migliora tecnicamente, al punto tale da giocarsi alla pari il posto con gente che si chiama Sebastiano Nela, Aldo Maldera ed Emidio Oddi, tutti difensori esterni col vizio del gol.

A fine stagione Nappi torna di nuovo in Serie B
accasandosi per una seconda volta al Perugia, rimasto imbattuto per trenta giornate, in cui disputa l’ultima stagione della sua carriera collezionando 33 presenze.

PROSEGUI CON:

ANTONIO CECCARINI

TORNA A:

NELLO MALIZIA le favole del calcio: iIL GRANDE PERUGIA

Lascia un commento