INTER-BORUSSIA MÖNCHENGLADBACH 2-3: FINALMENTE VENDETTA È FATTA!

In quest’atmosfera tornano le coppe europee. Campo principale sarà lo stadio di Milano dove si disputa la partita di ritorno tra l’Inter capolista e il Borussia Mönchengladbach, senz’altro una delle più affascinanti dell’intero programma della serata. Tutti hanno ancora nella memoria la famosa lattina di cocacola che nel 1971 ha colpito Roberto Boninsegna.
COPPE EUROPEE – mercoledì 31 ottobre 1979
COPPA DELLE COPPE – RITORNO 8i DI FINALE

Juventus – Beroe 3-0 d.t.s.

COPPA UEFA – RITORNO 16i DI FINALE

Inter – Borussia Mönchengladbach 2-3 d.t.s.

Napoli – Standard Liegi 1-1

Perugia – Aris Salonicco 1-1

Solo la Juventus sopravvive al secondo turno, superato dopo la disputa dei tempi supplementari.

L’extra time si rivela fatale all’Inter in una gara spettacolare contro i tedeschi. I milanesi passano in vantaggio dopo 25 minuti grazie ad Alessandro Altobelli, ma dopo 12 minuti il giovane Nickel, l’uomo che sta sostituendo Alan Simonsen nelle prodezze, impatta il risultato. L’1 a 1 rimane fino al 90’ costringendo le due squadre ai supplementari. Due giri d’orologio e Altobelli gonfia ancora la rete tedesca. Sembra fatta: agli uomini di Bersellini basta chiudersi in difesa per poi colpire in contropiede. Probabilmente pure i giocatori in campo pensano questo e devono averlo fatto troppo intensamente, tanto che il tedesco Ringles, dopo un solo minuto infila la porta difesa da Ivano Bordon. A questo punto la situazione è pesante: l’Inter è costretta a vincere per accedere al turno successivo. Si cambia campo sul punteggio di 2 a 2. A dieci minuti dal termine i tedeschi usufruiscono di un calcio di rigore trasformato da Nickel. Per gli uomini di Bersellini la corsa si chiude qui.

I teutonici possono festeggiare e con loro soprattutto il nuovo allenatore del club Jup Heynckes, in campo nell’occasione della lattina che ha messo fuori causa Roberto Boninsegna, provocando l’annullamento di una delle più grandi imprese della società renana. Quella vittoria per 7 a 1 ha valore solo per le statistiche.

Analoga sorte tocca al Napoli incapace di sovvertire il 2 a 1 di Liegi, mentre il Perugia, con poche possibilità, data la batosta rimediata in Grecia, saluta con un pareggio la competizione.

PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE

Lascia un commento