CAMPIONATO ITALIANO DI CALCIO 1961-62: IL GIRONE DI RITORNO DALLA 18a ALLA 21a GIORNATA

Nemmeno il tempo di commentare l’esito del girone d’andata che, durante la Vigilia di Natale, ci si tuffa immediatamente nella fase discendente del massimo torneo calcistico nazionale. Tutto questo sotto l’effetto dei fatti politico-giudiziari accaduti in settimana. Il 20 dicembre viene insediata una Commissione d’Inchiesta Parlamentare riguardante le presunte irregolarità nell’assegnazione degli appalti per la costruzione dell’aeroporto di Fiumicino.
Quello che è diventato il principale scalo aereo italiano ha denotato fin da subito gravi difetti strutturali chene hanno compromesso l’utilizzo, nonostante gli elevatissimi costi di realizzazione.
18a GIORNATA: domenica 24 dicembre 1961

Atalanta – Inter 2-3

19′ Bicicli, 33′ Della Giovanna, 50′ rig. e 58′ Maschio (AT), 59′ Suarez

Fiorentina – Venezia 2-0

51′ Milani, 63′ Hamrin

Milan – L.R. Vicenza 4-1

11′ Danova, 48′ Altafini, 74′ Sani, 83′ Kostic (L.) rig., 87′ Sani

Padova – Lecco 3-1

11′ Del Vecchio, 20′ Di Giacomo (LE), 80′ Koelbl, 87′ Del Vecchio

Palermo – Bologna 1-0

88′ Maestri

Roma – Udinese 4-0

30′ e 42′ Manfredini, 61′ Jonsson, 88′ Manfredini

Spal – Catania 1-0

59′ Novelli

Torino – Sampdoria 0-0

CLASSIFICA:

Inter 29; Fiorentina 25; Milan 24; Bologna e Roma 23; Torino 21; Palermo 20; Atalanta 19; Sampdoria 18; Catania e Juventus 17; Mantova e Spal 16; L.R. Vicenza e Venezia 13; Lecco e Padova 11; Udinese 6.

A Bergamo Luis Suarez si trova a risolvere un’altra battaglia che ha visto la sua squadra uscire vincente. Grande protagonista della partita è stato l’argentino degli orobici Humberto Maschio autore della doppietta che aveva riportato in parità i bergamaschi. Alla vittoria interista risponde puntualmente la Fiorentina e il Milan che festeggia le prime reti italiane di Dino Sani.

Ora calciatori e tifosi si preparano a festeggiare il Natale. Le famiglie si riuniscono attorno a tavole imbandite con prodotti di maggior pregio rispetto a quanto avveniva anni prima. Non è ancora la regola: durante l’anno ci si arrabatta come si può, ma almeno nelle grandi occasioni anche la gente comune può concedersi qualche cosa di più. Sotto gli alberi e vicino ai presepi compaiono i primi regali, veri questa volta e non da nascondere per ripresentarli uguali l’anno dopo. È il segno che i tempi stanno cambiando per certi aspetti in meglio – ora sempre più persone vivono in case riscaldate con l’acqua corrente e provviste di servizi igenici interni – decisamente negativi per altri –molte di queste abitazioni si trovano in grattacieli che costituiscono quartieri dormitorio privi di qualsiasi servizio pubblico. Dalle spaziose cascine di campagna immerse nel verde sempre più persone si trasferiscono in luoghi che sempre di più assomigliano a gabbie per polli d’allevamento.
19a GIORNATA: domenica 31 dicembre 1961

Catania – Milan 1-3

22′ Pivatelli, 27′ Calvanese (CA), 28′ Pivatelli, 30′ Danova

Inter – Roma 0-1

82′ Manfredini

Juventus – Padova 4-0

31′ Stacchini, 35′ Nicolè, 42′ Sivori, 57′ aut. Cervato II

L.R. Vicenza – Torino 1-1

22′ Puia (L.), 41′ Law rig.

Sampdoria – Fiorentina 1-3

32′ Veselinovic (SA), 53′ Milani, 57′ Petris, 90′ Hamrin

Spal – Palermo 0-2

54′ Borjesson, 74′ De Robertis

Venezia – Atalanta 0-1

13′ Maschio

CLASSIFICA:

Inter 29; Fiorentina 27; Milan 26; Roma 25; Bologna 23; Palermo e Torino 22; Atalanta 21; Juventus 19; Sampdoria 18; Catania 17; Mantova e Spal 16; L.R. Vicenza 14; Venezia 13; Lecco e Padova 11; Udinese 6.

L’anno si conclude con il botto! Ad otto minuti dal termine Pedro Manfredini riapre il campionato realizzando il gol decisivo che stende l’Inter sul terreno amico. Le inseguitrici vincono tutte e si riportano a ridosso della capo-classifica. In particolare desta sensazione la marcia del Milan alla sua terza vittoria di fila realizzando ben 11 reti.

Si entra così nel 1962, anno ricco di aspettative per la nazionale azzurra molto attesa ai mondiali cileni, anno ricco di aspettative anche per la gente comune che si aspetta un’ulteriore miglioramento delle proprie condizioni di vita, ma anche anno di paure a causa delle continue tensioni tra le due super-potenze mondiali, impegnate a mostrare i muscoli per “mantenere la pace”. Ad acuirle arriva anche la scomunica comminata al leader comunista cubano Fidel Castro dal Papa Giovanni XXIII.
20a GIORNATA: domenica 7 gennaio 1962

Atalanta – Spal 1-1

16′ Da Costa (AT), 76′ Mencacci

Catania – L.R. Vicenza 2-0

44′ Biagini, 52′ Szymaniak

Fiorentina – Bologna 1-0

48′ Bartù

Lecco – Juventus 2-2

25′ Mazzia, 32′ Nicolè, 42′ Di Giacomo (LE), 85′ Duzioni (LE)

Mantova – Venezia 1-0

79′ Sormani

Milan – Palermo 3-0

33′ Danova, 44′ Sani, 57′ Barison

Roma – Sampdoria 1-0

24′ Pestrin

Torino – Inter 0-0

CLASSIFICA:

Inter 30; Fiorentina 29; Milan 28; Roma 27; Bologna e Torino 23; Atalanta e Palermo 22; Juventus 20; Catania 19; Mantova e Sampdoria 18; Spal 17; L.R. Vicenza 14; Venezia 13; Lecco 12; Padova 11; Udinese 6.
Le prime quattro della classifica vincono tutte e staccano le altre: per lo scudetto si profila una battaglia interessantissima che rende questo campionato uno dei più avvincenti della storia.

In settimana la Juventus ha la possibilità di recuperare punti su chi la precede, ma bisogna vincere a Mantova. I lombardi costituiscono l’autentica sorpresa della stagione: Edmondo Fabbri ha dato loro un gioco spettacolare che ha in Luis Benedicto Sormani l’interprete di maggior spicco.
RECUPERO 18a GIORNATA: mercoledì 10 gennaio 1962

Mantova – Juventus 0-1

3′ Emoli
La Juventus riesce a vincere portandosi in posizioni di graduatorie più consone al suo valore reale.
21a GIORNATA: domenica 14 gennaio 1962

Bologna – Padova 4-1

8′ Kaloperovic (PD) rig., 36′ Pascutti, 50′ Bulgarelli, 60′ Pascutti, 74′ Perani

Inter – Mantova 2-0

25′ Hitchens, 49′ Morbello

Juventus – Atalanta 1-1

77′ Nicolè (JU), 78′ Maschio

L.R. Vicenza-Fiorentina 1-1

49′ Milani, 69′ Fusato (L.)

Lecco – Spal 0-0

Palermo – Roma 0-0

Sampdoria – Catania 4-1

12′ Caceffo (CA), 15′ Cucchiaroni, 20′, 30′ e 47′ Brighenti

Udinese – Milan 0-1

86′ Altafini

Venezia – Torino 0-1

60′ Albrigi

CLASSIFICA:

Inter 32; Fiorentina e Milan 30; Roma 28; Bologna e Torino 25; Atalanta, Juventus e Palermo 23; Sampdoria 20; Catania 19; Mantova e Spal 18; L.R. Vicenza 15; Lecco e Venezia 13; Padova 11; Udinese 6.

Battendo il Mantova l’Inter si vede un punto in più di vantaggio sulle inseguitrici, ma deve temere il ritorno del Milan giunto alla quinta vittoria di fila.

PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE

Lascia un commento