IL TERMINE DEL GIRONE D’ANDATA E IL RECUPERO DELLA 9A GIORNATA 1963-64

Nella settimana in cui sta finalmente prendendo forma il primo governo di centro-sinistra della storia della Repubblica Italiana presieduto da Aldo Moro, Vicenza e Milan completano il calendario della serie A, mentre Roma e Napoli terminano quello degli ottavi di finale di Coppa Italia.
RECUPERO 10a GIORNATA: mercoledì 18 dicembre 1963

L.R. Vicenza – Milan 0-1

73′ Rivera
Quattro giorni dopo il gol decisivo realizzato in nazionale, Gianni Rivera si ripete nel suo Milan il quale espugna Vicenza e si porta in testa alla graduatoria. La mezz’ala piemontese sta acquistando sempre maggiore consapevolezza nei propri mezzi imponendosi sempre più come leader del prestigioso club lombardo.

Contemporaneamente la Roma travolge il Napoli per 5 a 0 ed accede ai quarti di finale di Coppa Italia.

Intanto la settimana termina con il varo dell’Esecutivo Moro, il primo di Centro sinistra che il 21 dicembre ottiene la fiducia al senato. Il nuovo Governo deve confrontarsi con molti problemi primo fra tutti la recessione. La corsa all’acquisto a rate di beni durevoli ha letteralmente prosciugato le tasche degli italiani. I negozianti, invece di danaro fresco,possono esibire solamente numerosi libretti su cui sono segnati una montagna di crediti spesso inesigibili.
14a GIORNATA: domenica 22 dicembre 1963

Bologna – Mantova 2-1

7′ Nielsen, 18′ Pascutti, 89′ Mazzero (MA)

Fiorentina – Catania 1-1

73′ Maschio (FI), 75′ Danova

Genoa – Bari 0-0

Juventus – Inter 4-1

4′ Milani (IN), 20′ aut. Burgnich, 39′ e 41′ Del Sol, 90′ Menichelli

L.R. Vicenza-Sampdoria 1-3

3′ Barison, 11′ Tamborini, 52′ Barison, 86′ Vastola (LR)

Lazio – Atalanta 0-1

24′ Milan

Messina – Torino 1-1

9′ Ferrini, 29′ Morelli (ME)

Milan – Roma 2-1

70′ Sani, 73’Amarildo, 90′ De Sisti (RM)

Modena – Spal 4-3

5′ Toro, 12′ O. Conti, 18′ Brighenti, 26′ Massei (SP), 45′ Cervato (SP), 57′ Olivieri (SP), 89′ Longoni

CLASSIFICA:

Milan 22; Bologna, Inter e Juventus 19; Atalanta 15; Fiorentina, LR. Vicenza e Lazio 14; Modena, Roma e Torino 12; Genoa 11; Mantova, Sampdoria e Spal10;Catania 9; Bari e Messina 6.
L’Inter crolla in casa della Juventus sotto i colpi di Luis Del Sol, mediano tutto grinta capace pure di giocate decisive e lascia spazio al Milan vittorioso di misura sulla Roma.

In coda fa un grande passo in avanti il Modena vittorioso in un derbi emiliano-romagnolo da cardiopalmo con la Spal. In vantaggio di tre gol dopo pochi minuti, i “canarini” debbono subire il ritorno dei ferraresi, ma all’ultimo minuto Longoni, promessa mancata del calcio italiano, insacca il gol decisivo che dà i due punti ai padroni di casa.

E’ un Natale di lavoro per i calciatori in quanto il campionato non osserva soste, mentre è un Natale di preoccupazione per il resto della popolazione. Generalmente le condizioni socio-economiche del Paese sono migliorate, ma esistono ancora grandi sacche di povertà, soprattutto nelle campagne, sempre più spopolate in quanto i giovani vanno in cerca di un posto di lavoro sicuro che permetta loro di “farsi la macchina” e di vivere in una casa provvista di bagno interno e di acqua corrente possibilmente calda!

L’ultima domenica calcistica dell’anno è preceduta dal Gran Premio del Sudafrica di Formula Uno, gara di chiusura del mondiale 1963. Jim Clark, nuovo Campione iridato, conferma la superiorità propria e della Lotus aggiudicandosi anche questa corsa, davanti a Dan Gurney e al campione 1962 Graham Hill. Ancora una volta la Ferrari è costretta a guardare gli altri sul podio.
15a GIORNATA: domenica 29 dicembre 1963

Atalanta – Sampdoria 0-0

Bari – Spal 1-0

59′ Fernando

Bologna – Juventus 2-1

37′ Nielsen, 50′ Bulgarelli, 76′ Sivori (JU)

Fiorentina – Milan 2-1

10′ Amarildo (MI), 40′ Petris, 59′ Hamrin

Genoa – Messina 3-0

45′ Baveni, 60′ Piaceri, 75′ aut. Derlin

Roma – L.R. Vicenza 1-1

7′ Schutz (RM), 37′ Vinicio

Torino – Modena 0-0

CLASSIFICA:

Milan 22; Bologna 21; Inter e Juventus 19; Atalanta e Fiorentina 16; LR. Vicenza 15; Lazio 14; Genoa, Modena, Roma e Torino 13; Sampdoria 11; Mantova e Spal10;Catania 9; Bari 8; Messina 6.

Ancora una volta la Fiorentina si rivela una bestia nera per la capolista di turno. Sotto i colpi dei viola cade il Milan il quale vede avvicinarsi pericolosamente il Bologna vincente sulla Juventus reduce dalla splendida vittoria di sette giorni prima con l’Inter.

Si chiude così il 1963, anno esaltante per il calcio italiano che ha festeggiato la conquista della Coppa dei Campioni da parte del Milan e meno per il Paese e per il Mondo. Sono scomparsi papa Giovanni XXIII e John Kennedy, due autentici portatori di pace grazie alle loro aperture nei confronti della parte avversa, mentre la nazione piange ancora le vittime del Vajont.

Le difficili condizioni economiche nelle quali si trova l’Italia, inoltre, stanno riacutizzando le tensioni sociali. L’anno che si apre non promette nulla di buono.

Il primo gennaio 1964 la Juventus scende in campo sul terreno dell’Atletico Madrid e vince per 2 a 1, estromettendo una delle contendenti più pericolose per la vittoria finale.

Intanto nel mondo c’è chi cerca di limare distanze ed incomprensioni. Paolo VI prosegue l’opera del predecessore, incontrando a Gerusalemme il capo della Chiesa Ortodossa, riprendendo un rapporto interrotto da quattrocento anni.
16a GIORNATA: domenica 5 gennaio 1964

Bari – Milan 0-2

9′ e 24′ Sani

Catania – Juventus 2-0

40′ Miranda, 64′ Lampredi

Messina – Bologna 0-2

64′ Perani, 80′ Pascutti

Modena – Fiorentina 0-1

8′ Petris

Roma – Mantova 2-1

25′ Orlando, 35′ Jonsson (MA), 62′ De Sisti

Sampdoria – Lazio 1-0

33′ Da Silva rig.

Spal – L.R. Vicenza 1-0

40′ Cervato

Torino – Atalanta 3-0

44′ Hitchens, 82′ Ferrini, 88′ Hitchens

CLASSIFICA:

Milan 24; Bologna 23; Inter e Juventus 19; Fiorentina 18; Atalanta 16; LR. Vicenza, Roma e Torino 15; Lazio 14; Genoa, Modena e Sampdoria 13; Spal 12; Catania 11; Mantova 10; Bari 8; Messina 6.

Milan e Bologna iniziano l’anno vincendo ed allungano soprattutto sulla Juventus clamorosamente sconfitta a Catania grazie anche ad un gol dell’ex Miranda.

Il mercoledì successivo vengono recuperati alcuni incontri. Per l’Inter c’è la possibilità di riguadagnare terreno sulle fuggitive.
RECUPERI 15a GIORNATA: mercoledì 8 gennaio 1964

Inter – Lazio 1-0

64′ Suarez

Mantova – Catania 1-0

43′ aut. De Dominicis
Una rete di Luisito Suarez alla metà del secondo tempo riavvicina l’Inter alla vetta della classifica. A pochi chilometri di distanza il Mantova sconfigge il Catania in uno scontro diretto per la salvezza.
17a GIORNATA: domenica 12 gennaio 1964

Atalanta – Inter 1-3

15′ Nova (AT), 61′ e 73′ Milani, 84′ Jair

Catania – Roma 0-0

Fiorentina – Bari 1-0

61′ Petris

Juventus – Genoa 0-0

Lazio – Bologna 1-2

39′ Tumburus, 76′ Morrone (LA), 81′ Demarco

Messina – Modena 2-0

67′ Brambilla, 77′ Morelli

Milan – Spal 1-1

68′ Trapattoni (MI), 77′ Massei

Sampdoria – Torino 0-0

CLASSIFICA:

Bologna e Milan 25; Inter 23; Fiorentina e Juventus 20; Atalanta, Roma e Torino 16; LR. Vicenza 15; Genoa, Lazio e Sampdoria 14; Modena e Spal 13; Catania e Mantova 12; Bari e Messina 8.

Per ironia della sorte l’argentino Massei, da anni stella della Spal, fa un grosso piacere agli odiati rivali del Bologna che, grazie al suo gol, raggiungono proprio il Milan in vetta.

La domenica successiva termina il girone d’andata recuperando l’intera nona giornata. Piatto forte è il derby di Milano, mai come in questi anni sfida decisiva per l’assegnazione dello scudetto.
9a GIORNATA: domenica 19 gennaio 1964

Atalanta – Spal 0-0

Bologna – Roma 4-0

36′, 62′ e 80′ Nielsen, 84′ Perani

Catania – Messina 2-0

1′ Miranda, 62′ Danova

Fiorentina – Mantova 0-1

39′ Nicolè

Inter – Milan 0-2

13′ Fortunato, 35′ Rivera

Lazio – Juventus 0-2

50′ aut. Mazzia, 82′ Sivori

Modena – L.R. Vicenza 2-3

9′ Giorgis (MO), 20′ Vinicio, 32′ Tinazzi (MO), 53′ rig. e 86′ Vinicio

Sampdoria – Genoa 0-1

61′ Piaceri

Torino – Bari 1-2

15′ Peirò (TO) rig., 43′ Catalano rig., 77′ Siciliano

CLASSIFICA:

Bologna e Milan 27; Inter 23; Juventus 22; Fiorentina 20; Atalanta e LR. Vicenza 17;Genoa, Roma e Torino 16; Catania, Lazio, Mantova, Spal e Sampdoria 14; Modena 13; Bari 10; Messina 8.
Mentre Harald Nielsen stende la Roma, la coppia Fortunato-Rivera regala al Milan una grande vittoria sull’Inter. Bologna e Milan sono quindi campioni d’inverno, ma i nerazzurri debbono ancora recuperare una gara. Lo scudetto sarà una questione a tre, rendendo questo campionato bellissimo. Infatti si lotta su tutti i fronti. In zona retrocessione è coinvolta mezza serie A con squadre accreditate come la Sampdoria.

PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE

Lascia un commento