CAMPIONATO ITALIANO DI CALCIO 1964-65: IL GIRONE DI RITORNO DALLA 27a ALLA 29a GIORNATA

Si conclude pure questo mese di marzo, nel quale molti giovani americani sono stati inviati in Vietnham, per combattere quella che, secondo le previsioni, dovrebbe essere un conflitto lampo, ma questo XX secolo ne ha già regalate altre di queste “blitz-kriegen,” e sappiamo come sono finite!

Alla luce dei risultati di quest’ultimo mese, molto meno certo appare l’esito di un torneo diventato incandescente sia in testa, sia in coda.
27a GIORNATA: domenica 4 aprile 1965

Cagliari – Lazio 3-0

43′ Martiradonna, 56′ Cappellaro, 79′ Riva

Catania – Atalanta 4-1

1′ Biagini, 7′ Facchin, 23′ Veneri (AT), 73′ e 83′ Danova

Fiorentina – Milan 0-0

Inter – Bologna 2-0

44′ Corso, 68′ Bedin

Juventus – Torino 1-1

21′ Leoncini (JU), 53′ Ferrini

L.R. Vicenza – Foggia 0-1

18′ Nocera

Messina – Varese 0-1

68′ Andersson

Roma – Mantova 0-0

Sampdoria – Genoa 0-1

35′ Zigoni

CLASSIFICA:

Inter e Milan 42; Juventus e Torino 34; Fiorentina 32; Bologna 30; Catania e Foggia 27; Atalanta e L.R. Vicenza 25; Roma, Sampdoria

e Varese 24; Cagliari 23; Lazio 21; Genoa 20; Mantova 17; Messina 13.

Il Milan pareggia a Firenze e viene raggiunto in vetta dall’Inter la cui striscia vincente sembra non avere termine.

In questa giornata un giovane diventa l’eroe di un’intera tifoseria: si tratta di Gianfranco Zigoni, autore del gol decisivo nel derby contro la Sampdoria, una

vittoria che ridà speranze al club in maglia rosso-blu.

La notte successiva a questa giornata di campionato porta trionfo; a Los Angeles si assegnano gli Oscar cinematografici eVittorio De Sica conquista quello per il

miglior film straniero con il suo “Ieri, oggi e domani.”

28a GIORNATA: domenica 11 aprile 1965

Bologna – Mantova 4-1

53′ Ciccolo (MA), 57′ Perani, 81′ Haller rig., 84′ e 88′ Nielsen

Cagliari – Fiorentina 1-1

78′ Rizzo (CA), 88′ Orlando

Genoa – Roma 0-0

L.R. Vicenza – Inter 1-1

30′ Mazzola, 88′ Dell’Angelo (LR)

Lazio – Juventus 0-2

78′ Sivori, 88′ Combin

Messina – Atalanta 1-0

76′ Gioia

Milan – Foggia 1-0

86′ Benitez

Torino – Sampdoria 0-1

29′ Sormani

Varese – Catania 3-0

2′ e 8′ Spelta, 73′ Andersson

CLASSIFICA:

Milan 44; Inter 43; Juventus 36; Torino 34; Fiorentina 33; Bologna 32; Catania e Foggia 27; L.R. Vicenza, Sampdoria e Varese 26;

Atalanta e Roma 25; Cagliari 24; Genoa e Lazio 21; Mantova 17; Messina 15.

Il peruviano Benitez, rude difensore poco abituato alle prime pagine dei giornali, riporta in vetta il Milan, complice anche il Lanerossi Vicenza

che, dopo aver fermato la corsa dei rossoneri, si prende la soddisfazione di interrompere la striscia vincente dell’Inter.

In coda il Cagliari continua la propria rimonta e si allontana dai pericoli. C’è un cruento duello tra il Genoa e la Lazio. I liguri falliscono l’occasione di

sopravanzare i capitolini anche a causa di un rigore fallito dal giovane Zigoni nella gara contro la Roma.

In settimana la Juventus, grazie ad una doppietta di Sivori, riesce ad avere la meglio per 2 a 1 sul Lokomotiv Plovdiv accedendo alla semifinale di Coppa. E’ il

miglior risultato ottenuto nelle competizioni europee dalla società piemontese.

La nazionale, nel frattempo, sta preparando la sfida esterna contro la Polonia, mentre, due giorni prima, vengono programmati i quarti di finale di Coppa Italia, nei

quali alcune squadre scenderanno in campo in formazione rimaneggiata, proprio per le assenze dovute all’impegno azzurro. È un’ulteriore riprova che
la Coppa Italia viene considerata un torneo minore! La giornata, comunque passa alla storia per un avvenimento che dovrebbe rivelarsi di portata decisiva per un’intera

regione d’Italia. Il Presidente della Repubblica Giuseppe Saragat inaugura gli stabilimenti dell’Ital Sider di Taranto. L’acciaieria dovrebbe fare da volano allo

sviluppo di una delle zone più povere del Paese. Molti giovani locali vi troveranno posto, ma è già chiaro che si tratta di un’attività che, con le caratteristiche del

luogo, c’entra come il sale nel caffè.

COPPA ITALIA 4i DI FINALE: venerdì 16 aprile 1965

Bologna – Juventus 4-5 d.c.r.

ù
Inter – Cagliari 6-3 d.t.s.

Roma – Napoli 2-1

Torino – Genoa 2-0

Le numerose assenze per l’impegno della nazionale creano comunque i presupposti per una serata di calcio ricca di emozioni. A Milano il Cagliari

costringe l’Inter ai supplementari, nei quali gli uomini di Herrera dilagano, mentre la Juventus, reduce dall’impegno vittorioso in Coppa delle Fiere riesce a superare

il Bologna ai calci di rigore. Per gli emiliani, ancora con lo scudetto cucito sulle maglie, è un’ulteriore segno che si tratta di una stagione maledetta!

La Roma, intanto, dimentica le delusioni di campionato accedendo alle semifinali contro il Napoli, mentre il Torino, contro il Genoa, vince confermando il suo ottimo

stato di forma.

Per la sfida in terra Polacca, valida per la qualificazione ai mondiali d’Inghilterra, Fabbri ripropone in pratica la stessa formazione che ha schiantato la Finlandia

il novembre precedente sostituendo il solo Lodetti con il granata Roberto Rosato.

249: Varsavia (Stadion Dziesieciolecia) -domenica, 18 aprile 1965 – ore 12,00

POLONIA – ITALIA 0-0 (Q.M. gir 8, 2a gara)

POLONIA: Szymkowiak, Szczepanski, Bazan, Oslizlo (cap.), Gmoch, Grzegorczyk, Banas, Nieroba, Brychczy, Er. Pohl, Liberda. C.T.: Koncewicz.

ITALIA: Negri (Bologna) 8, Burgnich (Inter) 4, Facchetti (Inter) 10, Rosato (Torino) 2, Guarneri (Inter) 9, Picchi (Inter) 3, Orlando (Fiorentina) 4, Bulgarelli

(Bologna) 13, A. Mazzola (Inter) 9, Rivera (Milan) 15 (cap.), Corso (Inter) 13. C.T.: E. Fabbri.
ARBITRO: Roomer (Olanda).
SPETTATORI: 33,000

In questo giorno di Pasqua la Polonia si dimostra ben altra squadra rispetto a quella finnica e i nostri non vanno oltre lo 0 a 0 che li mantiene

comunque in vetta al girone.

La stagione si prepara a vivere i suoi momenti decisivi. In coppa delle Coppe il Torino attende i tedeschi del Monaco 1860, per tentare di suggellare con un grande

risultato a livello continentale il ritorno ad alti livelli, atteso dal maledetto 4 maggio 1949. Grazie ad una rete di Roberto Rosato ed ad un autogol del teutonico

Luttrop, gli uomini allenati da Nereo Rocco sono vicini all’impresa. Per meglio preparare la trasferta di Monaco, la società granata ottiene la possibilità di anticipare il proprio incontro casalingo di campionato con la Lazio.

ANTICIPO 29° GIORNATA: sabato 24 aprile 1965

Torino – Lazio 2-0

31′ Ferrini, 82′ Ferretti
Contro i bianc’azzurri alla disperata ricerca di punti igranata ottengono un’affermazione essenziale per guadagnarsi la qualificazione alla Coppa

delle Fiere 1965-66.

29a GIORNATA: domenica 25 aprile 1965

Atalanta – Genoa 0-2

71′ Vanara, 73′ Zigoni

Fiorentina-L.R. Vicenza 4-1

3′ aut. Savoini, 19′ e 35′ Benaglia, 58′ Vinicio (LR), 77′ Morrone

Foggia – Bologna 2-2

8′ Pascutti, 24′ aut. Furlanis (FO), 36′ Nocera (FO), 67′ Bulgarelli

Mantova – Catania 1-0

70′ Tomeazzi

Milan – Juventus 1-0

86′ Amarildo

Roma – Messina 0-1

70′ Clerici

Sampdoria – Inter 0-1

43′ aut. Sormani

Varese – Cagliari 0-2

29′ Visentin, 88′ Riva

CLASSIFICA:

Milan 46; Inter 45; Juventus e Torino 36; Fiorentina 35; Bologna 33; Foggia 28; Catania 27; Cagliari, L.R. Vicenza, Sampdoria e

Varese 26; Atalanta e Roma 25; Genoa 23; Lazio 21; Mantova 19; Messina 17.

Milan ed Inter ora danno vita ad un duello all’ultimo sangue! Amarildo ritorna sui livelli del girone d’andata e realizza un gol decisivo per

sconfiggere la Juventus a domicilio, ma l’Inter, nonostante l’imminente impegno di Coppa dei Campioni, passa sul campo della Sampdoria grazie ad una clamorosa autorete

di Sormani.

In coda il Genoa approfitta in pieno della sconfitta della Lazio sul campo del Torino imponendosi a Bergamo per 2 a 0 e stacca i rivali di due lunghezze. Con 17 punti

conquistati nel girone di ritorno il Cagliari è praticamente uscito dalla zona salvezza.

PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE

Lascia un commento