TORNEO DI CALCIO OLIMPIADI 1964: LE PARTITE DEL 14 E DEL 15 OTTOBRE

A questo punto la manifestazione procede con le gare dei gruppi C e D.
Tokyo (Chichibu Stadium) – mercoledì 14 ottobre 1964

CECOSLOVACCHIA – EGITTO 5-1 (GIR. C, 2a giornata)

RETI: Vojta 2, Urban, Mraz, Cvetler; Riad (EG)

CECOSLOVACCHIA: Schmucker, Urban, Weiss; Picman, Vojta, Geleta; Lichtnegl, Mraz, Brumovsky, Cvetler, Masny.

EGITTO: Korshed, Amin, Elisnawi; El fanagili, Gad, Badawi; Riad, Mohamed, Ismail, Etman, Mahmoud.

ARBITRO: Zsolt (Ungheria)

Yokohama (Mitsuzawa Stadium) – mercoledì 14 ottobre 1964

BRASILE – COREA DEL SUD 4-0 (GIR. B, 2a giornata)

RETI: Zé Roberto, Elizeu 2, Roberto Miranda

BRASILE: Hélio Dias, Mura, Zé Luiz II; Valdez, Adevaldo, Elizeu; Ivo Soares, Roberto Miranda, Zé Roberto, Mattar, Caravetti.

COREA DEL SUD: Heung Chul Ham, Woo Bonf Lee, Hong Bok Kim; Seung Ok Park, Jung Suk Kim, Young Bai Kim; Yi Woo Lee, Yoon Jung Huh, Tae Sung Cha, Yoon Ok Cho, Sung dal Cho.

ARBITRO: Boukkili (Marocco)

Tokyo (Komazawa Stadium) – mercoledì 14 ottobre 1964

GIAPPONE – ARGENTINA 3-2 (GIR. D, 2a giornata)

RETI: Sugiyama, Kawabuchi, Ogi; Dominguez 2 (AR)

GIAPPONE: Yokoyama, Katayama, Yamaguchi; Yaegashi, Kamata, Suzuki; Kawabuchi, Kamamoto, Ogi, Miyamoto, Sugiyama.

ARGENTINA: Cejas, Bertolotti, Mori; Perfumo, Sesana, Morales; Risso, Manfredi, Cabrera, Dominguez, Ochoa.

ARBITRO: Skoric (Jugoslavia).

Il Giappone gioisce anche per il calcio! Al suo esordio la nazionale nipponica batte l’Argentina in rimonta e, praticamente, la estromette dalla lotta per le medaglie. Nell’ultima partita, infatti, agli asiatici basterà pareggiare col Ghana per accedere ai quarti, proprio con la nazionale africana.

Contemporaneamente la Cecoslovacchia batte pesantemente l’Egitto, mentre il Brasile si ricorda di essere tale servendo il poker alla Corea del Sud.

Con questi verdetti l’Europa Occidentale, Italia compresa, si prepara ad affrontare una nuova giornata che, per gli appassionati nostrani, si chiude con la bella del primo turno di Coppa dei Campioni tra il Bologna e l’Anderlecht da disputarsi sul campo del Barcellona. In terra catalana i rosso-blu petroniani disputano una gara attenta ma non riescono a superare il muro difensivo eretto dai belgi. Ci si trascina così per 120 minuti lasciando il verdetto al sorteggio. La monetina si rivela funesta per gli uomini di Bernardini che terminano la loro prima e fino a questo momento ultima esperienza in Coppa dei Campioni.

In nottata inizia la terza e decisiva giornata di questo turno preliminare del torneo Olimpico di Calcio.
Tokyo (Mitsuzawa Stadíum) – giovedì 15 ottobre 1964

GERMANIA – MESSICO 2-0 (GIR. A, 3a giornata)

RETI: Barthels, Noldner

GERMANIA: Weigang, Urbanczyk, Rock; Seehaus; Walter, Unger; Noldner, Lisiewicz, Barthels, Frassdorf, Stocker.

MESSICO: Calderon, Gutiérrez, Loza; Albert, Galván, González; Ruvalcaba, Morales, Aussin, Fragoso, Chávez.
ARBITRO: De Silva (Maly).

SPETTATORI: 13.000.

Tokyio (Omiya Stadium) – giovedì 15 ottobre 1964


ROMANIA – IRAN 1-0 (GIR. A, 3a giornata)

RETI: Pavlovici

ROMANIA: Andrei, Greavu, Nunweiler; Ivan, Petescu, Pavlovici; Koszka, Ioanescu, Avram, Constantin, Creiniceanu.

IRAN: Asli, Amir-Asefi, Habibi; Arab, Ghelichkhani, Mustafa; Latifi, Nourian, Ismaili, Nirlou, Kalebi.

ARBITRO: Comesana (Argentina)

CLASSIFICA

+

POS. SQUADRA P. G. V. N. S. G.F. G.S.

1. GERMANIA 5 3 2 1 0 7 1

2. ROMANIA 5 3 2 1 0 5 2

3. Messico 1 3 0 1 2 2 6

4. Iran 1 3 0 1 2 1 6

Tokyo (Komazawa Stadium) – giovedì 15 ottobre 1964

UNGHERIA – JUGOSLAVIA 6-5 (GIR. B, 3a giornata)

RETI: Csernai 4, Farkas, Bene; Osim 2, Belin 2, Zambata (JU)

UNGHERIA: Szentmihalyi, Novak, Ihasz; Palotai, Orban, Nogradi; Komora, Csernai, Farkas, Bene, Katona.

JUGOSLAVIA: Curkovic, Fazlagic, Vujovic; Belin, Cop, Miladinovic; Radovic, Zambata, Samardzic, Osim, Dzajic.

ARBITRO: Fukushima (Giappone)

SPETTATORI: 15.000.

LA CLASSIFICA

POS. SQUADRA P. G. V. N. S. G.F. G.S.

1. UNGHERIA 4 2 2 0 0 12 5

2. JUGOSLAVIA 2 2 1 0 1 8 7

3. Marocco 0 2 0 0 2 1 8

Nel girone A Germania e Romania conquistano sicure l’accesso ai quarti di finale, mentre nel girone B l’Ungheria vince un’autentica battaglia contro la Jugoslavia, con un primo tempo caratterizzato da ben nove reti.

Le nazioni del blocco sovietico stanno dominando la scena: in questo torneo calcistico saranno ben cinque su otto, in quanto la Germania, come già spiegato, schiera quella che sarebbe la rappresentativa dell’Est. Questi sono gli effetti di un dilettantismo mascherato.

In questo periodo, però, il “blocco comunista” non è protagonista solo alle Olimpiadi; in serata l’Agenzia Ansa pubblica il seguente comunicato:

Lascia la scena politica uno dei fautori della “distensione” passato alla storia anche per aver rivelato al mondo i crimini commessi da Stalin

Queste notizie arrivano anche agli atlenti pronti a scendere in campo per la nuova giornata di gare, che prevede, tra l’altro, il completamento del tabellone dei quarti di finale.

Tokio (Omiya Stadium) – venerdì 16 ottobre 1964


CECOSLOVACCHIA – BRASILE 1-0 (GIR. C, 3a giornata)

RETI: Valosek

CECOSLOVACCHIA: Svajlen, Urban, Weiss; Picman, Matlak, Nepomucky; Vojta, Knebort, Brumovsky, Valosek, Masny.

BRASILE: Hélio Dias, Mura, Zé Luiz II; Valdez, Adevaldo, Elizeu; Ivo Soares, Roberto Miranda, Zé Roberto, Mattar, Caravetti.

ARBITRO: Tehrani (Iran)

Tokyo (Chichibu Stadium) – venerdì 16 ottobre 1964

EGITTO – COREA DEL SUD 10-0 (GIR. C, 3a giornata)

RETI: Riad 6, Mohamed, El Fanagili, Etman, Hassan.

EGITTO: Ahmed, Amin, El Isnawi; El Fanagili, Gad, Badawi; Riad, Mohamed, Ismail, Etman, Hassan.

COREA DEL SUD: Heung Chul Ham, Jung Suk Kim, Hong Bok Kim; Sam Rak Kim, Tae Siung Cha, Jung Nam Kim; Kyung Bok Cha, Yoon Jung Hih, Sang Kwon Woo, Yoon Ok Cho, Duk Joong Kim.

ARBITRO: Glockner (Germania Est)

LA CLASSIFICA

POS. SQUADRA P. G. V. N. S. G.F. G.S.

1. CECOSLOVACCHIA 6 3 3 0 0 12 2

2. EGITTO 3 3 1 1 1 12 6

3. Brasile 3 3 1 1 1 5 2

4. Corea del Sud 0 3 0 0 3 1 220

Tokio (Komazawa Stadium) – venerdì 16 ottobre 1964

GHANA – GIAPPONE 3-2 (GIR. D, 3a GIORNATA)

RETI: Agyemang, Sam Acquah, Aggrey; Sugiyama, Yaegashi (GI)

GHANA: Dodoo-Ankrah, Okai, Oblitey; Sam Acquah, Addo-Odametey, Nkansah; Agyemang, Mfum, Agget Fynn, Edward Acquah, Pare.

GIAPPONE: Yokoyama, Katayama, Yamaguchi; Suzuki, Kami, Kamata; Miyamoto, Kamamoto, Ogi, Yaegashi, Sugiyama.

ARBITRO: Nitescu (Romania).

LA CLASSIFICA

POS. SQUADRA P. G. V. N. S. G.F. G.S.

1. GHANA 4 2 1 1 0 4 3
<
2. GIAPPONE 2 2 1 0 1 5 5

3. Argentina 1 2 0 1 1 3 4

Pur perdendo, il Giappone accede ai quarti di finale, dove incontrerà la fortissima Cecoslovacchia. Il Ghana, vera sorpresa di questa prima fase, affronterà l’Egitto, secondo in virtù di un’autentica goleada inflitta alla Corea del Sud, che ha permesso agli africani di sopravanzare il Brasile per differenza reti. Comunque vada, in semifinale giungerà una rappresentante del “continente nero.

PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE

Lascia un commento