CAMPIONATO ITALIANO DI CALCIO 1965-66: IL GIRONE D’ANDATA DALLA 15a ALLA 17a GIORNATA

Termina in questo modo il 1965 e si apre un anno nel quale verranno poste le basi dei grandi cambiamenti che caratterizzeranno la vita futura di ciascun cittadino.

Intanto Inter e Juventus festeggiano il primo giorno dell’anno dando vita ad un anticipo di lusso.
ANTICIPO 15a GIORNATA: sabato 1 gennaio 1966

Juventus – Inter 0-0

Probabilmente l’aria di festa influenza l’esito di questa importantissima sfida, terminatatermina senza

vincitori né vinti.

15a GIORNATA: DOMENICA 2 gennaio 1966

Bologna – Brescia 2-1

13′ De Paoli (BS), 25′ e 74′ Perani

Catania – Spal 0-0

LR. Vicenza – Torino 0-0

Milan – Atalanta 1-0

42′ Sormani

Napoli – Cagliari 2-0

2′ Bean rig., 71′ Altafini rig.

Roma – Foggia 1-0

76′ aut. Bettoni

Sampdoria – Lazio 2-1

39′ Salvi, 59′ Sacco (LA), 76′ Frustalupi

Varese – Fiorentina 1-1

60′ Morrone, 66′ Bagatti (VA)

CLASSIFICA:

Inter e Milan 22; Napoli 21; Bologna 19; Juventus 18; Roma 17; Fiorentina 16;

Cagliari, LR. Vicenza e Lazio 15; Brescia e Spal 14; Atalanta e Torino 13; Foggia 12; Sampdoria 11; Catania 9; Varese

4.

Luis Benedicto Sormani diventa un eroe rossonero realizzando il gol che permette al Milan di

raggiungere in vetta l’Inter. Dietro ad un punto di distanza troviamo il Napoli che mantiene due punti di vantaggio sulla

coppia formata da Juventus e Bologna.

In settimana prosegue anche la Coppa Italia che sta entrando nelle fasi più important.

COPPA ITALIA – 4i DI FINALE – giovedì 6 gennaio 1966

Catanzaro – Torino 4-1 d.c.r.

LR. Vicenza – Inter 1-2

Milan – Fiorentina 1-4

Spal – Juventus 1-4

La Fiorentina strapazza il Milan, l’Inter passa a Vicenza, la Juventus stravince a Ferrara e il

Catanzaro si regala un sogno estromettendo dalla coppa il Torino. Con i giallo-rossi c’è un’intera regione finora balzata

alle cronache solo per la miseria e per il brigantaggio.

La domenica successiva l’Italia si risveglia con le notizie di un violento attacco delle truppe statunitensi sulla

capitale del Vietnam Anoy. Quello che lascia tutti vasiti è che la nazione asiatica non ha ancora ricevuto una

dichiarazione di guerra ufficiale.

16a GIORNATA: DOMENICA 9 gennaio 1966

Atalanta – Foggia 1-3

17′ Mereghetti (AT), 74′ Lazzotti, 76′ Micheli, 86′ Maioli

Bologna – Juventus 0-1

18′ Cinesinho

Brescia – Varese 2-2

17′ Combin, 52′ Robotti (BS), 61′ Bianchi (BS), 67′ Bagatti

Cagliari – Roma 4-0

7′ Rizzo, 20′ Cappellaro, 36′ Riva, 73′ Rizzo

Fiorentina – Spal 1-0

40′ Morrone

Lazio – Inter 1-3

7′ Domenghini, 21′ Mazzola, 41′ Jair, 78′ Governato (LA)

Milan – LR. Vicenza 1-1

59′ Vinicio, 79′ Sormani (MI)

Napoli – Sampdoria 2-2

15′ Frustalupi, 24′ Juliano (NA), 52′ Salvi, 79′ Panzanato (NA)

Torino – Catania 4-0

25′ Simoni, 51′ Orlando, 60′ Simoni, 68′ Rosato

CLASSIFICA:

Inter 24; Milan 23; Napoli 22; Juventus 20; Bologna 19; Fiorentina 18; Cagliari e Roma

17; LR. Vicenza 16; Brescia, Lazio e Torino 15; Foggia e Spal 14; Atalanta 13; Sampdoria 12; Catania 9; Varese 5.

L’Inter vince a Roma e torna in vetta da sola in quanto il Milan viene fermato sul pareggio interno dal

Lanerossi Vicenza, ancora una volta loro bestia nera. In coda fa un passettino anche il Varese.

In settimana è l’intero mondo civile a vedere i risultati di qualche timido progresso sociale: il 13 gennaio Robert Weaver

è il primo uomo di colore a diventare ministro negli Stati Uniti. Dopo le manifestazioni anti razziste degli anni

precedenti e quelle pacifiste del 1965, qualche cosa sta mutando nell’ingessata società occidentale.

17a GIORNATA: DOMENICA 16 gennaio 1966

Catania – Milan 1-1

17′ Sormani, 80′ Fanello (CA)

Foggia – Cagliari 0-0

Inter – Napoli 0-0

LR. Vicenza – Bologna 1-1

38′ Tiberi (LR), 83′ Nielsen

Lazio – Fiorentina 0-0

Sampdoria – Juventus 0-0

Spal – Brescia 0-2

51′ aut. Colombo, 73′ Pagani

Torino – Atalanta 2-1

40′ Meroni, 42′ Pesenti (AT), 69′ Orlando

Varese – Roma 0-0

CLASSIFICA:

Inter 25; Milan 24; Napoli 23; Juventus 21; Bologna 20; Fiorentina 19; Cagliari e Roma

18; Brescia, LR. Vicenza e Torino 17; Lazio 16; Foggia 15; Spal 14; Atalanta e Sampdoria 13; Catania 10; Varese 6.

Il big match tra l’Inter ed il Napoli termina a reti bianche e i campioni in carica conquistano anche

il “titolo d’inverno” in quanto il Milan non va oltre il pareggio sul campo del Catania. I rosso-neri sono stati puniti da

quel Fanello acquistato anni prima dal Catanzaro e spedito ad Alessandria nell’affare Rivera.

L’ultima giornata del girone d’andata è caratterizzata dai pochi gol segnati. Si tratta di una tendenza che si accentuerà

maggiormente negli anni successivi. Le cause vanno ricercate nel modo di stare in campo delle squadre con le difese sempre

più arcigne e nella chiusura agli stranieri che, volere o no, finirà con l’impoverire la cifra tecnica media dell’intera

serie A.

PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE

Lascia un commento