LA CONCLUSIONE DEL CAMPIONATO ITALIANO DI CALCIO 1969-70

In settimana, intanto si disputano tre gare di spareggio per accedere al girone finale di Coppa Italia, nel quale il Cagliari è già presente.
COPPA ITALIA – SPAREGGIO 4i DI FINALE -: giovedì 9 aprile 1970

Bologna – Juventus 1-0

Torino – Inter 3-2

Varese – Fiorentina 1-0

Tutte e tre le squadre padrone di casa accedono alla finale. Desta scalpore l’eliminazione della Fiorentina da parte del Varese, compagine di serie B già giustiziere del Milan. Niels Liedholm, con l’apporto di giovani promettenti come il centravanti Roberto Bettega giunto in prestito dalla Juventus e il difensore Giorgio Morini ha costruito un altro miracolo di provincia.
28a GIORNATA: domenica 12 aprile 1970

Brescia – LR. Vicenza 1-1

5′ Turchetto (BS), 58′ Vitali

Cagliari – Bari 2-0

39′ Riva, 88′ Gori

Fiorentina – Milan 4-2

5′ Mariani, 10′ Rognoni (MI), 13′ Prati (MI), 58′ Chiarugi, 68′ aut. Trapattoni, 73′ Chiarugi

Inter – Napoli 1-0

31′ Jair

Lazio – Juventus 2-0

52′ Ghio, 74′ Chinaglia rig.

Palermo – Roma 2-2

7′ Landini, 12′ Causio (PA), 16′ Franzot, 35′ Troja (PA)

Sampdoria – Verona 2-1

8′ Clerici (VE), 44′ Frustalupi, 53′ Benetti

Torino – Bologna 1-1

12′ aut. Poletti, 69′ Carelli (TO)

CLASSIFICA:

Cagliari 42; Inter e Juventus 37; Fiorentina 35; Milan 33; Napoli e Torino 30; LR. Vicenza e Roma 27; Lazio 26; Bologna 25; Verona 24; Sampdoria 23; Palermo 18; Bari e Brescia 17.
Doveva essere una giornata interlocutoria e invece … Quando Roberto Bortoluzzi apre l’ormai consueta trasmissione “Tutto il calcio minuto per minuto” dai microfoni di Radiouno, Gigi Riva ha già portato in vantaggio il suo Cagliari, mentre a Roma la Juventus è ancora sullo 0 a 0. Passano sette minuti e da Roma arriva la notizia che fa fremere un’intera regione: il giovane Ghio porta in vantaggio la Lazio.

pensano tutti i sostenitori rosso-blu. Venti minuti dopo, però, la realtà inizia a prendere sempre più il posto del sogno: Giorgio Chinaglia raddoppia. La Juventus è al tappeto. Ora c’è solamente da stare attenti alla disperazione del Bari il quale ha bisogno di sovvertire il risultato per continuare a sperare nella salvezza. Il veronese Romeo Benetti, infatti, ha fatto un dispetto alla città che non lo ha mai voluto tra le sue fila e sta salvando la Sampdoria. Sulle tribune del vecchio Ansikora la tensione si taglia col coltello fino al minuto numero 88 quando Sergio Gori, letteralmente esploso al fianco di Riva, realizza il 2 a 0. Ora la festa può iniziare! Un’intera regione finora conosciuta solamente per le pecore, per la miseria, per il sughero o al massimo per le miniere di carbone nelle quali, soprattutto ad inizio secolo hanno trovato la morte molte persone, è al centro dell’attenzione nazionale. Il Cagliari e tutta la Sardegna sono campioni d’Italia!

Il mondo del calcio, però, sembra avere una diretta connessione con l’inferno dantesco nel quale vige la legge del contrappasso. Così se in uno spogliatoio si festeggia, nell’altro si piange: il Bari sconfitto apprende di essere matematicamente retrocesso in serie B, così come accade al Palermo il quale esce con un solo punto dal match casalingo con la Roma. I capitolini, concentrati sulla gara di ritorno di Coppa delle Coppe e senza più nulla da chiedere al campionato, approfittano di queste ultime giornate per mettere in vetrina qualche giovane. Il 2 a 2 che condanna il Palermo viene realizzato dal friulano Walter Franzot. Giunto nella capitale come una delle migliori mezz’ali della serie C, il giocatore si è adattato al ruolo di mediano, favorito dalle sue grandi doti di fondista, garantendosi per oltre dieci anni un futuro a buon livello.

In settimana tornano le Coppe. La Milano interista è pronta a festeggiare l’accesso alla finale della sua squadra.

COPPE EUROPEE: mercoledì 15 aprile 1970

viden”>

COPPA DELLE COPPE SEMIFINALE DI RITORNO

Gornik Zabre – Roma 2-2 d.t.s.

COPPA DELLE FIERE – SEMIFINALE DI RITORNO

Inter – Anderlecht 0-2

I tifosi interisti ricorderanno per anni il belga Bergolds, giocatore che con i gol realizzati al 3’ e al 45’ infrange i sogni di gloria dei milanesi. Per la quarta stagione consecutiva i nerazzurri concludono a mani vuote.

La Roma, invece, si giocherà allo spareggio l’accesso alla finale di Coppa delle Coppe 1969-70.
ANTICIPO 29a GIORNATA: sabato 18 aprile 1970

Juventus – Roma 1-1

47′ Anastasi (JU) rig., 77′ aut. Salvadore

</

Il sabato successivo la Roma, per preparare la bella con i polacchi, anticipa il proprio incontro con la Juventus. Ne nasce un pareggio che lascia tutti indifferenti. Da registrare l’autorete di Sandro Salvadore, per lui una triste consuetudine in questo periodo.

La penultima giornata, quella dell’esordio del Cagliari neo Campione d’Italia, è preceduta dalla partenza del Gran Premio di Spagna di Formula UNO. Mentre le squadre scendono in campo, Jackye Stewart torna al successo con la March, seguito da Jack Brabham, seguito dal compagno di squadra del Campione del Mondo in carica Mario Andretti.

iv>

29a GIORNATA: domenica19 aprile 1970

Bologna – Sampdoria 1-1

23′ Muiesan (BO), 54′ Francesconi

Fiorentina – Brescia 0-1

75′ Simoni

LR. Vicenza – Torino 1-0

84′ Vitali rig.

Lazio – Bari 4-1

26′ Mazzola II, 60′ Fortunato, 66′ Pienti (BA), 88′ Massa, 90′ Chinaglia

Milan – Cagliari 0-0

Napoli – Palermo 0-0

Verona – Inter 1-3

8′ Corso, 29′ Boninsegna rig., 35′ Maddè (VE) rig., 85′ Mazzola

CLASSIFICA:

Cagliari 43; Inter 39; Juventus 38; Fiorentina 35; Milan 34; Napoli 31; Torino 30; LR. Vicenza 29; Lazio e Roma 28; Bologna 26; Sampdoria e Verona 24; Brescia e Palermo 19; Bari 17.
Sul campo dei “Campioni del Mondo” in carica, il Cagliari esibisce per la prima volta virtualmente lo scettro del primato. Ne nasce un pareggio a reti bianche all’insegna del “non facciamoci del male”. Il mondiale è sempre più vicino e gli elementi in lizza per un posto in Messico in queste due squadre sono tanti.

Sul campo di Verona, invece, l’Inter dà l’anima per conquistare almeno la piazza d’onore in campionato.

In settimana la Roma affronta la bella contro i polacchi. Dopo altri 120 minuti di combattimento è ancora 1 a 1, con rete polacca realizzata dal solito Lubanski. Questa volta decide la monetina. Se col PSV Eindhoven la fortuna aveva arriso ai capitolini, ora Herrera e i suoi debbono ammainare le bandiere e rientrare in patria con la consapevolezza che la stagione si concluderà senza trofei e senza prendere parte a nessuna copp internazionale.
30a GIORNATA: domenica 26 aprile 1970

Bari – Juventus 2-1

16′ Furino (JU), 50′ e 73′ Fara

Brescia – Lazio 0-0

Milan – LR. Vicenza 1-0

63′ Rivera rig.

Palermo – Fiorentina 1-1

60′ aut. Reja, 64′ Pellizzaro (PA)

Roma – Bologna 1-2

25′ Turra, 34′ Salvori (RM), 73′ Perani

Sampdoria – Inter 0-5

30′ Bertini, 32′ e 42′ Jair, 64′ Mazzola rig., 90′ Vanello

Torino – Cagliari 0-4

12′ Domenghini, 29′ e 38′ Riva, 48′ Gori

Verona – Napoli 1-0

61′ Mascetti

CLASSIFICA:

Cagliari 45; Inter 41; Juventus 38; Fiorentina e Milan 36; Napoli 31; Torino 30; LR. Vicenza e Lazio 29; Bologna e Roma 28; Verona 26; Sampdoria 24; Brescia e Palermo 20; Bari 19.
Il Cagliari conclude la sua splendida cavalcata dando spettacolo a Torino sul campo di una compagine che ha deluso le aspettative dei suoi tifosi. Gigi Riva, capo cannoniere riconfermato, è il mattatore digiornata ottimamente coadiuvato da Angelo Domenghini e Sergio Gori. L’Inter maramaldeggia sul campo della Sampdoria conquistando il secondo posto, mentre la Juventus, persa matematicamente la possibilità di vincere lo scudetto, cade al Bari permettendo ai “galletti” pugliesi di lasciare la massima divisione con onore.

Chiude con una sconfitta il Napoli sul campo del Verona che saluta uno dei primi gol in serie A di Emiliano Mascetti, ottimo centrocampista destinato a diventare il più grande cannoniere della storia dei giallo-blu scaligeri.
LA CLASSIFICA
POS. SQUADRA P. G. V. N. S. V. N. S. V. N. S. G.F. G.S.

1. CAGLIARI 45 30 11 4 0 6 7 2 17 11 2 42 11

2. Inter 41 30 11 4 0 5 5 5 16 9 5 41 19

3. Juventus 38 30 11 4 1 5 4 6 15 8 7 43 20

4. Milan 36 30 8 4 3 5 6 4 13 10 7 38 24

5. Fiorentina 36 30 9 2 4 6 4 5 15 6 9 40 33

6. Napoli 31 30 5 7 3 5 4 6 10 11 9 24 21

7. Torino 30 30 6 4 5 5 4 6 11 8 11 20 31

8. Lazio 29 30 10 2 3 1 5 9 11 7 12 33 32

9. LR. Vicenza 29 30 9 3 3 2 4 9 11 7 12 32 31

10. Bologna 28 30 3 8 4 3 8 4 6 16 8 24 28

11. Roma 28 30 6 5 4 2 7 6 8 12 10 27 36

12. Verona 26 30 6 6 3 2 4 9 8 10 12 26 30

13. Sampdoria 24 30 5 6 4 1 6 8 6 12 12 22 37

14. BRESCIA 20 30 1 7 7 4 3 8 5 10 15 20 35

15. PALERMO 20 30 5 6 4 0 4 11 5 10 15 23 45

16. BARI 19 30 4 6 5 1 3 11 5 9 16 11 35

480 240 109 78 53 53 78 109 162 156 162 464 464

PAGINA SUCCESSIVA PAGINA PRECEDENTE

Lascia un commento